Infiltrazioni mafiose in Umbria, arrestato pregiudicato campano: prestanomi, azienda svuotata e rapporti con i clan

Una complessa indagine del Gico della Guardia di Finanza ha portato agli arresti domiciliari un campano già condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso

Non aveva cambiato vita dopo la condanna subita in passato per essere uno uomo vicino ad un potente clan della Camorra. Il suo trasferimento a Foligno, dopo la sentenza, non aveva interrotto l'attività criminale e i rapporti con altri soggetti facenti parte, secondo il Gico della Guardia di Finanza, con mafia albanese e 'Ndrangheta. Le forze dell'ordine hanno indagato a lungo su un pregiudicato campano già condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso: intercettazioni telefoniche e ambientali. Il tutto nell'ambito dei controlli anti-infiltrazioni magiose in Umbria. 

L’indagato, che da diversi anni risiede a Foigno, è ritenuto responsabile di intestazione fittizia di beni, omessa comunicazione di variazioni patrimoniali e di false attestazioni all’Autorità Giudiziaria. Su di lui pesano gravi indizi per ritenere che "l’arrestato avesse intestato fittiziamente le quote di una società di autotrasporti, operante nel Folignate, ad un prestanome - anche tale ultimo indagato – del tutto privo di adeguate e autonome fonti di reddito".

Il pregiudicato campano, oltre ad aver depauperato il patrimonio dell’azienda sottraendo denaro, crediti e automezzi societari per un valore di circa 100mila euro, ha omesso, di comunicare alla Guardia di Finanza le variazioni del proprio patrimonio, come previsto dalla normativa antimafia. Non solo: l’arrestato ha continuato a frequentare persone di elevato spessore criminale, appartenenti a clan degli albanesi e della ‘ndrangheta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il campano ha falsificato anche un rapporto di lavoro a tempo indeterminato con una società di edilizia per ottenere l’affidamento in prova al servizio sociale. Per tutte queste ipotesi di reato il pregiudicato è stato messo al momento agli arresti domiciliari.  "L’indagine - ribadiscono dal Gico - testimonia l’attenzione e il costante impegno delle Fiamme Gialle di Perugia per contrastare l’infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico umbro e scongiurare effetti distorsivi della libera concorrenza fra le imprese e di destabilizzazione dei mercati locali di beni e servizi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento