Cronaca Ponte San Giovanni

Brucia l'incasso di giorni al lotto, poi finge una rapina per ingannare il padre: smascherato

Alla fine, messo alle strette, il giovane commerciante ha ammesso di essersi inventato tutto, e di aver simulato la rapina per giustificare al padre l’ammanco. Denunciato con l’accusa di simulazione di reato

I carabinieri di Ponte San Giovanni hanno denunciato un 24enne commerciante di origini campane. Il ragazzo si era presentato dai militari denunciando una rapina. Ma la realtà è un’altra.

Il giovane, un venditore ambulante di frutta e verdura, ha raccontato ai carabinieri che, dopo essersi fermato a dormire a bordo del proprio camion in un’area di sosta a Perugia, era stato rapinato da due stranieri. I due, secondo il racconto del giovane, sotto la minaccia di un coltello, gli avevano portato via 1200 euro,  l’intero guadagno dei giorni precedenti, ricavato dalla vendita a dettaglio dei prodotti ortofrutticoli.

Ma la storia non quadra. I carabinieri indagano, ma il racconto del ragazzo è pieno di buchi. Non sa descrivere gli aggressori, la storia è vaga e approssimativa. Tutto molto strano. Effettuando accertamenti incrociati, i carabinieri hanno appurato che, lo stesso giorno della presunta rapina, il 24enne aveva perso l’intera somma di denaro citata giocando al sistema di lotteria istantanea all’interno di un bar. Tombola.

Alla fine, messo alle strette, il giovane commerciante ha ammesso di essersi inventato tutto, e di aver simulato la rapina per giustificare al padre l’ammanco. Denunciato con l’accusa di simulazione di reato.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucia l'incasso di giorni al lotto, poi finge una rapina per ingannare il padre: smascherato

PerugiaToday è in caricamento