I cittadini segnalano, la polizia interviene: sgominato duo di pusher a Ferro di Cavallo

I due spacciavano sulla rampa di accesso ai garages di una palazzina mentre la “base” di appoggio era in un appartamento dello stesso stabile

Giovanissimi, ma già spacciatori. Gli agenti della squadra Mobile di Perugia sono riusciti a sgominare una coppia di pusher in zona Ferro di Cavallo anche grazie alle segnalazioni giunte attraverso l’applicazione “You Pool”. I due giovani di origine albanese e residenti a Perugia di 18 e 19 anni, avevano messo in piedi la vendita al dettaglio nel quartiere. In particolare i due spacciavano sulla rampa di accesso ai garages di una palazzina mentre la “base” di appoggio era in un appartamento dello stesso stabile.

Il duo - è stato ricostruito dalle indagini - era così organizzato: il 19enne faceva da “vedetta” e custodiva il denaro della vendita, il 18enne invece prendeva i contatti con gli acquirenti di cocaina e gliela consegnava. I poliziotti sono così riusciti a ricostruire il giro di spaccio messo in piedi dai due giovani (incensurati) e sono entrati in azione, ma alla vista degli agenti si sono dati alla fuga. Il primo è stato subito preso, mentre l’altro, per assicurarsi la fuga, ha colpito violentemente anche un poliziotto. Alla fine entrambi sono stati bloccati ed è scattata la perquisizione in casa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'abitazione sono state trovate e sequestrate le dosi di cocaina. Trovato anche un pc portatile che era stato di recente rubato in una scuola materna della provincia. I due ragazzi albanesi sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio; al 19enne sono stati inoltre contestati i reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale mentre per entrambi è scattata la denuncia per la ricettazione del computer portatile, che sarà restituito all’istituto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

  • Intasca i soldi delle giocate del Lotto, titolare di rivendita condannata dalla Corte dei conti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento