Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Maxi frode fiscale, fatture false alle imprese per otto milioni di euro: sei arresti

Le società 'cartiere' intestate a prestanome compiacenti trattenevano il 15%: l'accusa è associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale

False fatture per 8 milioni di euro fornite a 142 imprese edili ubicate in Campania ma anche al Centro e al Nord Italia (in Umbria oltre che in Emilia-Romagna, Lazio, Toscana e Lombardia) e sei arresti (in carcere per due persone e ai domiciliari per altri quattro) con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale. A notificare le misure cautelari emesse dal gip presso il Tribunale di Napoli Nord (insieme a un decreto di sequestro per equivalente pari a 8 milioni di euro), sono stati i finanzieri della Compagnia pronto impiego di Aversa.

"Grave - come si legge su 'Casertanews' - il quadro indiziario nei confronti degli indagati che attraverso una struttura associativa con base operativa in Casal di Principe e San Cipriano d'Aversa e con collegamenti in diverse regioni italiane, si erano specializzati nella sistematica emissione di fatture per operazioni inesistenti, relative alla fornitura di materiali da costruzione, noleggio di attrezzature e prestazioni d'opera, utilizzando a tale scopo un gruppo di società 'cartiere' intestate a prestanome compiacenti". Come compenso per il loro servizio, queste società 'cartiere' trattenevano il 15% di ciascuna fattura emessa per poi restituire il resto dei soldi agli imprenditori del Nord che, secondo una stima, avrebbero così accumulato 'fondi neri' per circa 3,2 milioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi frode fiscale, fatture false alle imprese per otto milioni di euro: sei arresti

PerugiaToday è in caricamento