menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fatture false per milioni, la Guardia di Finanza di Assisi scopre la maxi frode al Fisco: 12 denunciati

L'indagine, iniziata nel 2018, ha portato alla denuncia di 12 persone per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti

Maxi evasione scoperta dalla Guardia di Finanza di Assisi. L'indagine, iniziata nel 2018, ha portato alla denuncia di 12 persone per i reati di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Quella che era cominciata come una “semplice” verifica fiscale ha portato i Finanzieri del Comando Provinciale di Perugia a scoprire una frode milionaria che collega l'Umbria al Veneto. L’impresa edile finita sotto il microscopio dei Finanzieri, secondo le indagini era stata costituita con l’unico obiettivo di fungere da “cartiera”, cioè per emettere fatture false.

L'impresa umbra, secondo quanto ricostruito dalla Guardia di Finanza, era solo il primo anello di una catena di attività che ha portato all’evasione di 900 mila euro di imposte, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti del “valore” di due milioni di euro.

Lo sviluppo delle indagini ha portato alla scoperta di altre imprese nelle province di Padova e Venezia, una delle quali fa capo a un noto deejay, che fungevano da “schermo”, annotando le fatture false per poi riemetterne a loro volta altre di importo lievemente maggiorato in favore ulteriori imprese venete, ostacolando la diretta connessione di queste ultime con l’originaria società “cartiera” umbra, strutturalmente priva di uomini e mezzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento