Cronaca

Perugia, apre un negozio di acconciature con un diploma professionale falso: a processo

L'uomo accusato di uso di atto falso e di aver indotto in errore il funzionario del Comune di Perugia nel rilascio della licenza

Produce un falso attestato da parrucchiere per poter ottenere la licenza dal Comune di Perugia e finisce sotto processo.

L’imputato, difeso dall’avvocato Alberto Catalano, deve rispondere dell’accusa di uso di atto falso e falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in certificati o autorizzazioni amministrative “perché formava o faceva fare a terzi nel suo interesse e faceva uso, dell’attestato di qualifica professionale acconciatore” rilasciato da una scuola di formazione di Roma, ma che al termine degli accertamenti risultava fasullo.

Quell’atto, per, in precedenza era stato prodotto in Comune “quale requisito indispensabile nella Scia fornendone gli estremi” e in seguito depositato “ad integrazione, per l’apertura dell’esercizio di acconciatore” a Perugia.

Quell’atto falso avrebbe indotto “in errore il Comune di Perugia sulla sussistenza del predetto requisito e poi l’effetto della relativa autorizzazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, apre un negozio di acconciature con un diploma professionale falso: a processo
PerugiaToday è in caricamento