Occhio ai falsi addetti Enel, "rubano" il codice cliente per fare nuovi contratti con altro gestore

Diverse segnalazioni di visite porta a porta o telefonate. I consigli: non fornire mai bollette o codice cliente

Il trucco è vecchio, ma continua a mietere vittime. I più accorti non ci cascano, ma gli anziani sono i primi soggetti a rischio.

Stiamo parlando della truffa dei falsi addetti Enel che si presentano a casa e chiedono di poter visionare l'ultima bolletta perché ci sarebbe un errore. Con i dati della bolletta, cioè fornitura e codice cliente, è facile per il truffatore chiedere la migrazione ad altro fornitore di energia elettrica o gas. Così il cittadino truffato si trova con un contratto di gas o luce che non aveva mai sottoscritto.

In questi giorni sono stati segnalati diversi tentativi porta a porta o anche telefonici. Quando il finto agente Enel non riesce a visionare la bolletta, chiede direttamente il codice cliente. Basta quello che cambiare gestore.

Quindi occhio a chi bussa, ricordando che Enel in caso di problemi per quanto riguarda il pagamento delle bollette o di altra natura non manda  mai un agente a casa, ma informa sempre via lettera. Fatemi mostrare il tesserino, o meglio, non parlate proprio con i sedicenti addetti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Perugia: minorenne trovato in casa senza vita

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, anche l'Umbria verso la "zona arancione": cosa si potrà fare e cosa sarà vietato

  • Umbria "arancione", Presidente Squarta: "E' assurdo". Lettera alle altre Regioni: "Uniti per ottenere subito soldi per i commercianti"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 13 gennaio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 gennaio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento