Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

"Chi la conosce, mai vista al ristorante", sotto processo per calunnia e falso i titolari di un locale

Secondo l'accusa avrebbero mentito agli ispettori del lavoro dicendo che la donna non lavorava per loro e poi denunciandola per truffa per le dichiarazioni fatte ai Carabinieri

Non forniscono informazioni sui dipendenti e poi denunciano per truffa una donna dicendo che non ha mai lavorato per loro e che quanto detto ai Carabinieri era falso.

I titolari di un ristorante sono finiti sotto processo “per aver rilasciato dichiarazioni scientemente errate sul rapporto di lavoro intrattenuto” con una donna “come era stato richiesto loro dagli ispettori della direzione provinciale del lavoro di Perugia”.

Gli imputati un perugino di 62 anni e una albanese di 47 anni, difesi dagli avvocati Benito De Simone e Giuseppe Alberto Dieni, sono anche accusati del reato di calunnia “perché hanno accusato pur sapendola innocente” la dipendente di truffa “per aver narrato ai carabinieri dell’Ispettorato del lavoro fatti non corrispondenti a verità in ordine all’attività svolta come lavapiatti e addetta alle pulizie nel ristorante, quando in realtà ben sapevano che la donna aveva riferito ai militari fatti veri avendo lavorato presso il pubblico esercizio fino ad un mese prima della denuncia ogni fine settimana per circa 4 ore al giorno”.

La donna si è costituita parte civile tramite l’avvocato Gaetano Figoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Chi la conosce, mai vista al ristorante", sotto processo per calunnia e falso i titolari di un locale
PerugiaToday è in caricamento