Fa strage di animali protetti: via armi, munizioni e licenza di caccia

Il cacciatore ha fatto ricorso al Tar, ma ha perso ed è stato condannato a pagare anche le spese processuali

Fa strage di animali protetti: via armi, munizioni e licenza di caccia. L’ordine del Prefetto è, però, ingiusto per un perugino privato del suo diritto di andare a caccia e possedere un fucile. Così si è rivolto al Tribunale amministrativo regionale per annulla l’ordine del Prefetto. Richiesta respinta e condanna a pagare duemila euro di spese processuali.

L’uomo, assistito dall’avvocato Monica Benedetti, ha chiesto l’annullamento del decreto del Prefetto della Provincia di Perugia che prevedeva il divieto di detenzione di armi e munizioni “per accertato abuso delle armi in suo possesso per abbattimento di specie protetta” (pernice bianca (Lagopus mutus); fagiano di monte (Tetrao tetrix); francolino di monte (Bonasa bonasia); coturnice (Alectoris graeca); camoscio alpino (Rupicapra rupicapra); capriolo (Capreolus capreolus); cervo (Cervus elaphus); daino (Dama dama); muflone (Ovis musimon); lepre bianca (Lepus timidus)) con conseguente processo penale.

Secondo l’uomo la decisione del Prefetto sarebbe ingiusta perché “avrebbe illegittimamente parificato ad una pronuncia di condanna la sentenza di non luogo a procedere per decorso dei termini di prescrizione in ordine all’episodio che ha dato luogo al divieto in contestazione” e “nel provvedimento impugnato non vi sarebbe alcun riferimento alla personalità ed al comportamento del ricorrente dal momento del rilascio per la prima volta del porto d’armi” e perché nei confronti di un cacciatore amico, incappato nello stesso reato, non si è proceduto alla “revoca del porto d’armi”.

Per i giudici amministrativi “il ricorso è infondato e va respinto” perché “nel nostro ordinamento, l’autorizzazione alla detenzione delle armi deve considerarsi eccezionale e le esigenze di incolumità di tutti i cittadini sono prevalenti e prioritarie” e la richiesta di porto d’armi presuppone che “l’interessato sia esente da mende e al di sopra di ogni sospetto o indizio negativo in modo tale da scongiurare dubbi e perplessità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica”.

Secondo i giudici del Tar “la revoca o il diniego dell’autorizzazione sono pertanto frutto di una scelta e di una valutazione ampiamente discrezionale” da parte del Prefetto qualora ravvisi “la non completa affidabilità all’uso” delle armi. E nel caso portato in giudizio “appare incontestabile che il ricorrente abbia posto in essere un comportamento che ne appalesi la non completa affidabilità in ordine all’uso delle armi, a prescindere dalla condotta antecedentemente posta in essere e dalle conseguenze penali che ne sono conseguite”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bene ha fatto nel togliere le armi, secondo i giudici, il Prefetto “sulla base di un giudizio probabilistico di alto affidamento circa il corretto uso delle armi, che la condotta posta in essere dal ricorrente non possa scongiurare dubbi e perplessità sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica” a carico dell’uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento