menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Protesta all'ex tabacchificio a Perugia, gli operai sono scesi dalla gru

I sindacati: "Contattata l'azienda subappaltatrice abbiamo ottenuto l'invio immediato delle buste paga dei tre lavoratori"

Si è conclusa con la discesa dalla gru la protesta dei tre giovani operai al cantiere dell'ex tabacchificio di via Cortonese, a Perugia. Intorno alle 21 di ieri sera, martedì 30 aprile, l'ultimo dei dipendenti di una delle ditte dei subappalti è sceso a terra. La protesta, come appurato da PerugiaToday, per i mancati pagamenti degli stipendi degli ultimi mesi. La trattativa con i sindacalisti e le forze dell'ordine è terminata nel migliore dei modi. 

Come spiega una nota dei sindacati "appreso della protesta messa in atto di propria iniziativa dai lavoratori Fillea, Filca e Feneal, insieme alle confederazioni, si sono da subito attivate per trovare una soluzione utile a garantire in primo luogo la sicurezza dei lavoratori stessi, ma al tempo stesso il corretto pagamento di tutte le spettanze. Contattata l'azienda subappaltatrice i sindacati hanno ottenuto l'invio immediato delle buste paga dei tre lavoratori. Una volta effettuati i conteggi di tutte le spettanze tramite gli uffici vertenze di Cgil, Cisl e Uil, i sindacalisti sono tornati in cantiere per interloquire con i lavoratori".

E poi la nota della Cgil: "La protesta dei tre operai saliti su una gru nel cantiere dell'ex tabacchificio di Perugia, uno dei più importanti cantieri della provincia è sintomatica delle storture e dell'illegalità diffusa che esiste nel settore e che il sistema di appalti e subappalti aggrava. In queste situazioni, purtroppo, l'azione del sindacato è limitata dal continuo ricambio dei lavoratori, quasi esclusivamente stranieri, che vengono assunti per brevi periodi dalle aziende appaltatrici". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento