menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il ministro Bonafede: subito la cittadella giudiziaria nell'ex carcere di Perugia

L'annuncio del titolare della Giustizia in Senato, subito rilanciato dal senatore umbro Franco Zaffini

Il ministro Alfonso Bonafede ha confermato in Senato, questa mattina, la realizzazione della cittadella giudiziaria nell'ex carcere di Perugia.
Il progetto prevede la rifunzionalizzazione delle due ex carceri (maschile e femminile), dismessi dall’uso penitenziario nel 2006, ma di grande valore storico-monumentale e urbanistico. Questo permetterà di dare attuazione al piano di razionalizzazione dell’Agenzia del Demanio, già approvato dal Ministero della Giustizia nell’aprile 2017, che prevede l’eliminazione di questi luoghi ad oggi abbandonati, oggi detenuti dagli uffici giudiziari di Perugia.
Per la realizzazione del progetto verrà creato un tavolo tecnico con il compito di individuare tutte le soluzioni tecnico-economiche e i percorsi amministrativi adeguati al raggiungimento dell’obiettivo e di definire gli aspetti tecnici e le modalità di confronto con il professionista esterno incaricato dall’Agenzia del Demanio di redigere il “Piano urbanistico-edilizio attuativo”, oltre a vigilare sulla corretta e tempestiva attuazione del Protocollo.
L'ex carcere perugino venne realizzato tra il 1865 e il 1870 sulle macerie della cinquecentesca Rocca paolina (su una zona paludosa che il Sangallo non aveva preso in considerazione) e progettato da Giuseppe Polani (autore anche dell'imponente struttura carceraria torinese Le Nuove), ha pianta panottica a quattro bracci e schema cellulare comprendente quasi 350 unità.

L'ex carcere è stato anche messo sul mercato delle aste dei beni dello Stato. Sette unità immobiliari, 5 piani, libero da subito, ma da riparare: «Il complesso immobiliare costruito durante la seconda metà del XIX secolo, utilizzato come carcere maschile, si trova nel centro storico di Perugia, una delle città più visitate d'arte dell'Umbria. La posizione della struttura la rende ideale per la conversione per l'uso come un alloggio o un complesso residenziale. L'edificio, in stile classico carcerario, si estende intorno ad una struttura centrale. Ha una pianta a quattro bracci costruito su 5 piani, oltre a due sezioni che si affacciano sul corpo centrale e ad esso collegati. Nella parte adiacente all'ingresso ci sono anche più bassi di servizio ed edifici amministrativi. Il perimetro del complesso immobiliare si trova tra via del Parione, piazza dei Partigiani e via Fiorenzo di Lorenzo. La superficie totale è di 10.565 mq. La struttura portante è in buone condizioni. Il tetto è in ottime condizioni, mentre l'interno complesso è in un cattivo stato di conservazione, con molto vecchi finiture e impianti e sistemi fatiscenti».
Sempre a Perugia era in vendita l'ex carcere femminile: «Il complesso immobiliare, costruito a partire dal XVI secolo, utilizzato come carcere femminile fino al 2005, si trova nel centro storico di Perugia, una delle città più visitate d'arte dell'Umbria. La posizione della struttura la rende ideale per la conversione per l'uso come un alloggio o un complesso residenziale. Il complesso immobiliare, proveniente dalla combinazione di due conventi adiacenti e con numerose conversioni ed estensioni fin dai primi anni del XX secolo, ha un piano molto irregolare, con edifici di diverse altezze, e comprende quattro grandi cortili interni. Situato tra via Torcoletti, via del Parione e via Cantamerlo e via del Giardino, la proprietà si estende su una superficie totale di 10.862 mq. In termini strutturali, il complesso è in condizioni ragionevoli, ad eccezione del "Padiglione Paradiso", mentre l'interno di tutto il complesso è in uno stato povero o molto povero di riparazione, con molto vecchi finiture e impianti e sistemi fatiscenti. Le migliori opzioni per lo sviluppo del complesso immobiliare sono per l'uso residenziale o turistico-ricettive».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento