rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca

Tasse non pagate sul commercio di carburanti: denunce per evasione fiscale e sanzioni per 3 milioni di euro

Personale dell'Agenzia delle dogane negli uffici di una società di Salerno che stava tentando di penetrare nel territorio umbro con uffici e stazioni di rifornimento

L'Agenzia delle dogane ha scoperto una presunta evasione fiscale di 1,5 milioni di euro di Iva non pagata a carico di una società operante nel commercio di carburanti con sede a Roma il cui legale rappresentante, residente a Salerno, è risultato senza alcuna esperienza nel settore e del tutto estraneo alla gestione dell’azienda, configurandosi così come un mero prestanome.

I funzionari dell’Agenzia delle dogane di Perugia hanno notificato i provvedimenti, in collaborazione con i colleghi di Salerno, tra cui le sanzioni per oltre 3 milioni di euro.

Le indagini, iniziate nel 2018 a seguito di un’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Perugia anche con l’ausilio della Guardia di finanza, si erano allargate fino al territorio laziale coinvolgendo la Procura della Repubblica di Roma alla quale erano stati deferite tre persone: l’amministratore della società romana insieme a un addetto alla commercializzazione della merce petrolifera, entrambi di Salerno, e un perugino con il compito di rappresentante che aveva già iniziato la sua attività nel cercare distributori in Umbria disponibili ad acquistare i propri prodotti energetici.

L’inchiesta aveva appurato che i presunti responsabili della frode avevano cercato di acquisire un immobile per destinarlo a deposito di carburanti dal quale poi smistare i prodotti provenienti da Paesi Unionali e fatti transitare attraverso depositi fiscali del Centro Italia.

L’intento fraudolento era quello tipico delle “società cartiere”: simulando il possesso dello status di esportatore abituale, venivano effettuati acquisti sul territorio nazionale emettendo illegittimamente dichiarazioni di intento per un imponibile complessivo di 3.373.577 euro.

La corrispondente IVA evasa, considerando le modalità di acquisto e la successiva rivendita, è stata quantificata in 1.484.000 euro al netto delle sanzioni che ammontano, come già indicato, a circa 3 milioni.

"Si tratta di un’attività di accertamento complessa che dimostra come sia alta la vigilanza di ADM sul territorio anche nel delicato settore del commercio dei prodotti petroliferi da sempre oggetto di speculazioni e frodi da parti di società aventi scopi criminosi" ha commentato il Direttore Territoriale ADM per la Toscana e l’Umbria, Roberto Chiara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse non pagate sul commercio di carburanti: denunce per evasione fiscale e sanzioni per 3 milioni di euro

PerugiaToday è in caricamento