Dopo la condanna per molestie su un ragazzino, finisce ancora a processo: è evaso sette volte

Il giudice ha disposto "il non luogo a procedere" per l'anziano finito sotto processo per essere evaso gli arresti domiciliari. Era già stato condannato nel 2017 per tentato sfruttamento della prostituzione minorile

Per ben sette volte ha evaso la misura degli arresti domiciliari. E in altrettante sette occasioni è stato scoperto, tanto da finire nuovamente a processo. L’imputato, un 80enne residente in provincia di Perugia, nel giugno del 2017 era stato condannato a un anno di reclusione (in seno al rito abbreviato) per tentato sfruttamento della prostituzione minorile. Condanna poi diventata definitiva. Dal 2015 al 2017 però, l’80enne non avrebbe perso occasione per infrangere la legge e gli obblighi a lui prescritti, violando così la misura dei domiciliari e finendo ancora sotto processo.

Anziano molesta sessualmente un ragazzino sull'autobus: condannato

Nel corso del processo per il reato più grave – ovvero quello del tentato sfruttamento della prostituzione minorile, dove l'80enne aveva offerto soldi ad un ragazzino di soli 16 anni in cambio di prestazioni sessuali,  la difesa – avvocati Luca Maori e Donatella Donati – avevano chiesto e ottenuto il rito abbreviato ma condizionato a perizia psichiatrica per stabilire le condizioni mentali dell’anziano. Perizia, effettuata dal ctu del tribunale di Perugia, dott. Franco Simonucci, che rilevò la sua “parziale” incapacità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa mattina, il giudice monocratico del tribunale di Perugia ha stabilito il “non luogo a procedere” dell’imputato.  Il giudice aveva  dato conferimento di un incarico peritale allo psichiatra che, alla luce della sua valutazione, aveva evidenziato un disturbo neurocognitivo lieve e una grave deflessione del tono dell'umore che implicano "una totale compromissione della capacità di intendere e di volere (...) ne consegue che egli non è in grado di partecipare coscientemente al processo". La perizia ha evidenziato comunque la non pericolosità sociale dell'80enne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento