Cronaca

La società fallisce e iniziano i ricatti, Ferrari e Jaguar in pegno: due imprenditori "taglieggiati"

Oggi l'udienza preliminare a carico dei 4 "estorsori". Accolta dal giudice l'eccezione sollevata dalla difesa per incompetenza territoriale e atti trasmessi al tribunale di Ancona

Immagine di repertorio

Due imprenditori di Gubbio "taglieggiati" e costretti da quattro persone a farsi consegnare soldi, Jaguar e Ferrari in "pegno" . I quattro, su cui pende una richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura di Perugia e accusati di estorsione, sono finiti questa mattina dinanzi al giudice dell'udienza preliminare, che dopo una breve camera di consiglio ha accolto l'eccezione sollevata dalla difesa - avvocati Gianni e Eugenio Zaganelli - per incompetenza territoriale. Il processo a carico degli imputati è stato così "annullato "e gli atti trasmessi al tribunale di Ancona. Per i legali difensori l'eccezione sollevata è stata fondata sul fatto che il reato sarebbe iniziato proprio a Falconara , in provincia di Ancona. 

I fatti contestati risalgono a qualche anno fa, al 2015 quando gli odierni imputati avrebbero minacciato gli imprenditori per farsi consegnare soldi e auto di lusso (tra cui anche una Bmw) affermando - si legge nel capo d'imputazione - in modo "pretestuoso" che a seguito del fallimento di una società "per operazioni poco trasparenti" prima gestita da uno degli imprenditori umbri e poi ceduta, avrebbero avuto un danno di 30mila euro. A quel punto sarebbero arrivati i ricatti e le minacce, facendosi fare anche il passaggio di proprietà di un'auto di grossa cilindrata. Scattarono le indagini che portarono anche  alle manette. Ora il processo sarà trasferito ad Ancona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La società fallisce e iniziano i ricatti, Ferrari e Jaguar in pegno: due imprenditori "taglieggiati"

PerugiaToday è in caricamento