menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Permesso di soggiorno non rinnovato, ma niente espulsione: salvato dalla compagna incinta

Nella decisione della Questura aveva pesato anche una condanna per violenza sessuale, ma per i giudici non conta nel procedimento amministrativo

Permesso di soggiorno non rinnovato, ma viene salvato dall’espulsione dalla compagna incinta.

Un cittadino straniero, difeso dall'avvocato Silvia Vinti, ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria contro il mancato rinnovo del permesso di soggiorno da parte del Ministero dell'Interno e della Questura Perugia.

Lo straniero, in Italia dal 2012, era titolare di un permesso di soggiorno per lavoro autonomo, ma al momento del rinnovo, complice anche la difficile situazione lavorativa per gli autonomi legata all’emergenza Covid-19, si è visto respingere il rinnovo, con l’obbligo di dover lasciare l’Italia.

Per la Questura il diniego è dovuto ad una condanna per violenza sessuale e a due misure di prevenzione adottate. Oltre a non aver mai menzionato che la sua situazione fosse soggetta al diritto al ricongiungimento

Secondo lo straniero, invece, i funzionari pubblici non hanno tenuto conto del fatto che l’uomo ha “uno stabile legame … titolare di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo UE, in attesa del primo figlio” la cui nascita è prevista a breve.

I giudici amministrativi hanno dato ragione all’uomo, anche se hanno voluto ribadire che se l’uomo avesse portato “a conoscenza della Questura la propria situazione familiare, equiparabile all’esito di un ricongiungimento familiare, tanto più che la propria compagna e convivente è in Italia da moltissimi anni ed è titolare di permessi di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo UE” e fosse in attesa di un figlio, non avrebbe avuto problemi nel rinnovo del permesso di soggiorno.

Nell’annullare gli atti della Questura i giudici hanno anche disposto il pagamento della parcella dell’avvocato a carico dello Stato. Quanto alle condanne e agli arresti, non sono stati considerati ai fini della decisione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento