Cronaca

Esplosione a Gubbio, il bollettino delle persone salvate e dei soccorritori feriti

Dimessi i due Vigili del fuoco intossicati. Operato d'urgenza ieri sera uno dei due feriti ricoverati. Aperto fascicolo per omicidio colposo

I due pazienti rimasti feriti durante l’esplosione avvenuta ieri presso un'azienda situata a vocabolo Canne Greche di Gubbio, sono ricoverati all’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino a Branca.

Un uomo, classe 1989 di Gubbio, che ha riportato vaste ustioni su tutto il corpo, è stato operato in urgenza ieri sera dall'equipe della chirurgia ricostruttiva, diretta dal dottor Marino Cordellini, che si è avvalsa della fondamentale collaborazione - oltre che degli anestesisti - dei medici otorini ed oculisti. La prognosi è di 30 giorni.

L’altro paziente, classe 1993 di Gubbio, è ricoverato in Osservazione breve intensiva con un trauma alla colonna vertebrale e qualche ustione e prognosi di 30 giorni.

I due i vigili del fuoco intossicati o feriti durante il soccorso - uno che aveva inalato dei vapori ed un altro che era arrivato al pronto soccorso con un corpo estraneo in un occhio – sono stati dimessi dall’ospedale dopo poche ore.

Uno dei feriti, infine, già da ieri sera si trova ricoverato al centro grandi ustioni di Cesena in condizioni gravi.

Le salme dei due deceduti sul posto sono all'obitorio dell’ospedale di Branca in attesa delle decisioni del sostituto procuratore che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione a Gubbio, il bollettino delle persone salvate e dei soccorritori feriti

PerugiaToday è in caricamento