Enpa inaugura il nuovo centro di recupero per animali selvatici: "Sono nel mirino dei bracconieri"

Realizzata a tempo di record – i lavori e l’iter di accreditamento amministrativo hanno richiesto appena 9 mesi – la struttura si candida a diventare un polo di eccellenza per il soccorso, l’assistenza e la riabilitazione dei selvatici

Una struttura ecofriendly che si estende su 2,5 ettari e che una volta a pieno regime potrà ospitare contemporaneamente fino a 50 animali tra rapaci, daini, cervi, cinghiali. E’ il nuovo Cras Enpa di Perugia, uno dei Centri più grandi della regione. Lo hanno inaugurato a Bettona, nell’ambito delle iniziative Enpa per il “Mese della fauna selvatica” (1-31 maggio), il sindaco Lamberto Marcantonini e Paola Tintori, tesoriera dell’Ente Nazionale Protezione Animali nonché responsabile del canile comunale di Perugia.

Realizzata a tempo di record – i lavori e l’iter di accreditamento amministrativo hanno richiesto appena 9 mesi – la struttura si candida a diventare un polo di eccellenza per il soccorso, l’assistenza e la riabilitazione dei selvatici. Dalle voliere ai box, fino alla suddivisione degli spazi esterni, tutto è stato accuratamente progettato per ottimizzare la degenza e, di conseguenza, per accelerare la restituzione alla natura, riducendo al minimo, se non eliminando del tutto, i possibili fattori di stress a carico degli animali. "I pazienti selvatici – spiega il dottor Massimo Floris, direttore tecnico e sanitario del Cras – sono particolarmente sensibili ai fattori ambientali. Molto più degli animali d’affezione. Eliminare o quanto meno ridurre al minimo l’incidenza di tali fattori, penso ai rumori, al trambusto delle attività umane o al traffico veicolare, per un piccolo di capriolo può fare la differenza tra la vita e la morte".

Ed è proprio per questo motivo che box e voliere, comunque situate in un luogo tranquillo, sono state costruite nelle immediate vicinanze della clinica veterinaria del Cras, riducendo così allo stretto indispensabile il tempo di trasferimento degli animali verso la zona degenza. E che le aree del Centro sono rigorosamente off limits per il personale non veterinario. Anche per evitare che il contatto ravvicinato con l’uomo determini un imprinting dell’animale, pregiudicando così la restituzione alla natura.

Purtroppo, il ritorno all’ambiente – ragion d’essere dei Cras - non sempre è possibile. Ad impedirlo il più delle volte sono le condizioni di salute dell’animale, incompatibili con la vita selvatica. Naturalmente, Enpa ha pensato anche ai suoi “lungodegenti”, prevedendo uno spazio dedicato dove potranno vivere in serenità il resto dei loro giorni, senza il rischio di essere predati o di essere presi a fucilate dai cacciatori.

Ma non è tutto perché vicino al Cras, Enpa ha realizzato una fattoria didattica con animali (capre, galline, pony, conigli) salvati spesso da situazioni difficili e sottratti al mattatoio. Qui volontari e operatori dell’associazione incontreranno i bambini per sensibilizzarli ed educarli al rispetto degli animali. "Siamo grati al Comune di Bettona per avere lavorato insieme a Enpa e per aver reso possibile il progetto Cras. Oggi – ha commentato la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi – serve grande attenzione ai selvatici perché lupi, orsi, marmotte e tante altre specie sono sotto attacco, minacciati dai cacciatori, dai bracconieri, dai cambiamenti climatici e dalle attività antropiche. Ma anche da certa politica che li strumentalizza a fini di propaganda elettorale".

Potrebbe interessarti

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento