rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

IL POLIZIOTTO EROE | Il Mistero delle indagini sul caso Mostro di Firenze di Emanuele Petri nel 1985. "Lele mi disse di Narducci e dell'appartamento fiorentino"

Nell'indagine sulla morte di Francesco Narducci il nome del poliziotto venne fuori dalla testimonianza di un suo caro amico che racconto di un episodio avvenuto due giorni prima della scomparsa al Lago. La conferma a Perugiatoday.it del Pm Giuliano Mignini


Emanuele Petri, il poliziotto eroe, che ha permesso (rimettendoci la vita) di far arrestare i terroristi Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce - capi delle Nuove Brigate Rosse e responsabili degli omicidi dei giuslavoristi Massimo D’Antona e Marco Biagi - il 2 marzo del 2003, è legato ad un altro grande mistero che continua essere al centro di dibattiti, di libri e di richiesta di riapertura del caso. Un mistero che, dopo le indagini dell'inizio di 2000 di Giuttari e il Pm Mignini, riporta ai duplici omicidi del cosiddetto Mostro di Firenze e al collegamento con la morte del dottore Francesco Narducci, il medico perugino finito anche nel processo Calamandrei, che però nessuna sentenza nè conferma la presenza sui luoghi del delitto né rapporti diretti e indiretti con gli unici condannati: Mario Vanni e Giancalo Lotti.  Petri, ai tempi del suo servizio con la stradale di Arezzo, nell'autunno 1985, secondo alcuni testimoni che hanno resto dichirazioni davanti al Pm Giuliano Mignini, avrebbe indagato (non si capisce su quale mandato e da chi firmato non si è mai capito) sul Narducci due giorni dopo la sua scomparsa al Lago, quasi dopo un mese esatto dall'ultimo duplice omicidio degli Scopeti (9 settembre 1985). 

Terrorismo, 20 anni fa il sacrificio di Emanuele Petri. La vedova Alma: "Il dolore è sempre lo stesso"

Addirittura ci sarebbe stato anche un pedinamento - Narducci alla guida della sua moto rossa - che sarebbe finito male per Petri che lo avrebbe perso di vista dopo alcuni chilometri. Va ricordato, che ancora prima della morte di Narducci, voci (soltanto voci) addirittura già malignavano su un possibile rapporto Narducci e strani ambienti toscani legati in qualche moto ai duplici omicidi del mostro. Abbiamo chiamato in causa il Pm Mignini, ora in pensione, per ricordare il presunto mistero che Petri avrebbe custudito e che un anno dopo la sua morte avrebbe scaturito una delle indagini più importanti sul post-compagni di merende a riguardo del Mostro di Firenze, a Perugia e nel capoluogo toscano. 

"Il nome di Emanuele Petri è saltato fuoro all'improvviso. Era il 2004 e stavo cercando di delineare un quadro sulla morte di Narducci ascoltando pescatori e personaggi del Trasimeno. L'audizione era con un tale Enzo Ticchioni, pescatore, che verso la fine dell'incontro disse che il suo amico Petri, il poliziotto ucciso dalle Br, gli aveva raccontato che aveva fatto un inseguimento in auto assieme ad un collega per cercare di prendere una motocicletta e che questa gli era sfuggita all’altezza di Terontola". Ma di chi era quella moto?. Taticchi rispose, come da verbale e come da ricordo di Mignini: "La persona in moto era Francesco Narducci e che era da molto tempo che lo stavano pedinando. Avevano preparato un posto di blocco nella strada vecchia che viene da Firenze e passa attraverso Arezzo e Cortona, per giungere al Lago. Il Narducci, sempre secondo quanto gli disse il Petri, era riuscito a superare il posto di blocco e a scomparire nel nulla a Terontola". Ma il Pm ricorda che quelle dichirazioni lo fecero saltare sulla sedia quando Ticchioni aggiunse "il Petri gli stava dietro da quando gli era stati ritrovati dei resti umani femminili presso la sua abitazione in Firenze. Chiaro il collegamento con il Mostro ma addirittura si parlava dei feticci su cui nessuno aveva messo mano o erano stati ritrovati dalla Polizia". 

Petri purtroppo era morto d oltre un anno e mezzo da quando Ticchioni fece queste dichiarazioni. Sulla carta questa indagine non è mai esistita, inoltre mai quei feticci sono stati ritrovati e i vari appartamenti individuati come potenziali covi dei feticci non hanno dato riscontro a qualcosa di tangibile. Ma va detto che questa è una storia ricca di insabbiamenti, di dietro le quinte e anche tante chiacchiere e immaginazione. "Ascoltai anche la moglie del Petri, subito dopo quelle dichiarazioni, ma lei non ne sapeva niente. Ma ricordo un fatto curioso: poco prima di andare in pensione, a indagine ormai conclusa, incontrai di nuovo la signora ad una inaugurazione a Spoleto e dopo alcuni convenevoli mi disse: forse aveva ragione lei sulle indagini di mio marito sul Narducci. E io la invitai a venirmi a trovare in ufficio ma non ci fu mai questo incontro". Un mistero che, senza il ritrovamento di carte ufficiali, non sarà mai svelato. Ma di una cosa tutti siamo sicuri: un poliziotto come Petri non avrebbe avuto paura ad indagare e andare fino in fondo anche in una storia pericolosa e piena di rischi come quella del Mostro di Firenze. Lo ha dimostrato quando volle controllare quei due passeggeri del treno che gli ricordavano qualcosa di strano - Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce - e una volta riconosciuti i dccumenti falsi ha lottato fino alla morte per assicurali alla giustizia.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

IL POLIZIOTTO EROE | Il Mistero delle indagini sul caso Mostro di Firenze di Emanuele Petri nel 1985. "Lele mi disse di Narducci e dell'appartamento fiorentino"

PerugiaToday è in caricamento