A 108 anni super nonna Luisa torna a votare: "E' un diritto sacrosanto"

Votare è un diritto sacrosanto. Sono queste le parole di Luisa Zappitelli, classe 1911, che alla soglia dei 108 anni è tornata a votare per le elezioni regionali 2019

Immagine d'archivio

Votare è un diritto sacrosanto. Sono queste le parole di Luisa Zappitelli, classe 1911, che alla soglia dei 108 anni è tornata a votare per le elezioni regionali 2019. La “nonna d’Italia”, questo pomeriggio – poco dopo le 17 – è tornata ancora una volta nella cabina elettorale (seggio numero 10 di San Pio) a Città di Castello, per il rinnovo di Presidente e Assemblea Legislativa della Regione Umbria, battendo il suo record personale che con ogni probabilità sarà difficile da superare. Ha infatto partecipato ininterrottamente a tutte le consultazioni dell’Italia democratica, dal plebiscito del 1946 ad oggi, per 73 anni di fila.

“Anche questa volta ci sono riuscita. Finchè la salute e il buon Dio me lo consentiranno ci sarò sempre. Votare è un diritto-dovere sacrosanto conquistato anche da noi donne con sacrifici e battaglie. Questo, soprattutto i giovani, figli e nipoti devono sempre tenerlo presente”. Sono state le parole di Luisa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il suo commovente racconto del primo voto ha fatto il giro del web con migliaia di visualizzazioni, ed è diventato virale. In quel lontano 2 giugno 1946 che introdusse il suffragio universale in Italia e consentì anche alle donne di essere pienamente cittadine, nonna Luisa insieme ai suoi fratelli ed alcune amiche raggiunse il seggio di Belvedere, a Città di Castello a piedi, pur di votare e scegliere tra Repubblica e Monarchia. Luisa Zappitelli, nonostante la veneranda età, coltiva anche altre passioni, oltre a quella civile. É un’appassionata vespista e allevatrice di canarini, ma dopo l’encomio del presidente Mattarella nel discorso dell’Otto Marzo del 2018, la sua figura è associata ad un esempio di educazione civica e coscienza democratica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento