Storie ai tempi del Covid | Don Gaetano non si ferma: messa sul terrazzo e benedizioni delle case dalla strada

Il racconto del nostro inviato cittadino. Don Gaetano è il parroco di Elce

Don Gaetano, il prete di San Donato, sempre più vicino ai cari elcini con iniziative a tamburo battente. Subentrato al dinamico don Luca Bartoccini (oggi in cattedrale), don Gaetano si è fatto subito amare per l’innata simpatia e per l’entusiasmo con cui affronta i momenti di vita liturgica e civile. Anche nell’attuale difficile congiuntura, Gaetano (il parroco più romanista di tutta la diocesi), ha messo in atto iniziative di grande consenso. Non solo la messa (con grosso risalto mediatico) celebrata dal terrazzo della chiesa – e seguita da numerosi residenti in zone viciniori – ma anche la benedizione dei cibi pasquali, effettata sempre a distanza.

Ieri, accompagnato da persone devote, ha percorso in lungo e in largo il quartiere dell’Elce con un’auto dotata di altoparlanti che hanno diffuso canti e preghiere. Ogni tanto, scendeva e impartiva benedizioni con palme e aspersorio, a quanti (ed erano veramente tanti) si affacciavano da finestre e terrazzi. Un modo di farci sentire comunità. Una maniera di surrogare egregiamente la benedizione delle case e delle famiglie, saltata a causa del coronavirus. E seguendo il detto del predecessore, monsignor Nazareno Bartocci, che non si stancava di ripetere “si benedicono le persone, non… i muri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo clima di partecipata condivisione e di preghiera, il salesiano don Gaetano ha scelto di festeggiare la Pasqua di Resurrezione. Una maniera simpatica, entusiastica, gioiosa. Intrisa di palpitante umanità. Ed è quello che conta per farci sentire “forti”, anche se – specie in questo momento – fragili fibre dell’Universo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: centri commerciali e negozi chiusi la domenica. Tutti i provvedimenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 22 ottobre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento