rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca San Marco / Strada San Marco - Cenerente

Duplice omicidio Cenerente, chiesa colma per i funerali: il dolore dei famigliari

Occhi puntati sul nipote di Maria che in un primo tempo è stato avvolto da sospetti e voci che sono risultate completamente sballate. Il lungo applauso alla partenza dei feretri

 "La mavalgità e la cattiveria li hanno portato via per sempre": quasi a fine funzione per i funerali di Sergio Scoscia e Maria Raffaeli, uccisi nella loro casa a Cenerente da predoni albanesi, i famigliari delle vittime dopo tanto silenzio fanno sentire la loro voce e il loro dolore con una lettera aperta a tutti gli amici del Paese "che ci hanno sempre sostenuti dandoci la forza di andare avanti".

Il funerale di Maria e Sergio, dopo più di 100 giorni di attesa, chiude di fatto una delle vicende di sangue più tragiche e brutali della città messa in atto dalla solita banda in cerca di oro - quello che lavorara Sergio nel suo laboratorio - sulla scia di una soffiata di una donna di cui forse Sergio era innamorato.

Ma è stato ricambiato con il peggiore dei tradimenti di una donna che si è fatta basista e poi si è pentita mettendo la polizia sulle tracce dei predoni killer. I malvagi, come spiegato dalla famiglia, sono in carcere in attesa del processo. Maria e Sergio invece finalmente nella cappella di famiglia. E' il giorno, è necessario ammeterlo, anche del nipote di Maria che, appena dopo l'omicidio, era entrato nel centro dei sospetti anche a causa di qualche bravata da ragazzino, ma niente di serio e di penale.

Duplice omicidio Cenerente, l'ultimo saluto a Maria e Sergio

Un ragazzo ascoltato e riascoltato e che i sospetti potevano divorare data la giovane età soprattutto perchè da innocente qualora viveva anche il dramma della morte della nonna e dello zio. Il giovane è stato coccolato, salutato e abbracciato da tutta la comunità di Cenerente. La fine di un incubo personale.

Nel corso della cerimonia il vescovo di Perugia e Città della Pieve, Gualtiero Basetti, ha ammonito i fedeli a non cercare a tutti i costi la ricchezza: "Questo terribile doppio omicidio è la dimostrazione di chi pensa che conta più l'avere a tutti i costi che perseguire il bene. E' un inganno terribile perchè ne dovranno rendere conto non solo agli uomini ma soprattutto a Dio".

Un lungo applauso ha salutato per l'ultima volta i feretri una volta che si sono diretti verso il cimitero. Folta la presenza degli agenti della Polizia di Perugia autori della scoperta dei feroci autori del duplice omicidio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Duplice omicidio Cenerente, chiesa colma per i funerali: il dolore dei famigliari

PerugiaToday è in caricamento