menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arriva "Galileo", il drone che sarà il nuovo guardiano del Trasimeno

E' stato presentato oggi, 2 settembre, al Word Lake Conference. Il drone acquatico è stato ideato da Arpa Umbria, in collaborazione con la Siralab Robotics di Terni, Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e il Dipartimento di Ingegneria Elettronica e dell'Informazione (DIEI) dell'Università di Perugia

Si chiama Galileo il nuovo “guardiano” delle acque, presentato oggi, 2 settembre, al Word Lake Conference. Il nuovo drone acquatico è stato ideato da Arpa Umbria, in collaborazione con la Siralab Robotics di Terni, Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e il Dipartimento di Ingegneria Elettronica e dell’Informazione (DIEI) dell’Università di Perugia.

Il suo compito, in base a quanto spiegato, sarà quello di controllare gli scarichi attraverso il controllo della temperatura; le dinamiche fluviali con i rilievi batimetrici. Ma non solo, con le telecamere subacquee sarà possibile anche studiare le  acque e i sedimenti del fondale

Il battello sarà  un osservatorio sui laghi dell’Umbria, in grado di fornire, attraverso le più sofisticate tecnologie, dati sempre aggiornati e utili per le attività di gestione e salvaguardia dei bacini lacustri della regione.

“Galileo è silenzioso pulito, sicuro e versatile e può operare a vari livelli sulle diverse matrici ambientali”, ha spiegato il Presidente della Sirlab Robotics Giorgio Belloni che ha illustrato le caratteristiche più importanti del drone. Spiegandone anche il nome: “Galileo è stato il primo vero scienziato. Il genio toscano ha innovato il mondo del scienza attraverso fantasia e rigore scientifico, ecco le Amministrazioni Pubbliche devono avere sempre queste caratteristiche”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento