Trasimeno, in auto con la cocaina, una mazza da baseball e una catena: in manette insospettabile

Il giovane è stato arrestato dall'antidroga della Questura di Perugia che ne seguiva le mosse da tempo. In tribunale ha patteggiato 1 anno e 6 mesi di reclusione

Un notevole numero di clienti per un importante giro d’affari, improntato alla discrezione: una telefonata, una consegna.

Per un giovane italiano, però, è arrivato lo stop da parte della polizia, l’antidroga della Questura di Perugia, che è riuscita a risalire allo spacciatore grazie proprio ai clienti. Così il giovane è stato arrestato e portato in tribunale per la direttissima.

Difeso dall’avvocato Donatella Panzarola ha patteggiato 1 anno e 6 mesi, mentre la droga e il materiale per confezionare le dosi è stato confiscato e avviato alla distruzione. Il denaro, provento dello spaccio, è stato destinato all’Erario.

Il giovane è stato fermato nella zona di Passignano sul Trasimeno con 9 confezioni di cocaina in auto e nel bagagliaio una mazza e una catena (forse temeva aggressioni da altri spacciatori?).

A seguito della perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti un bilancino di precisione e sostanze per il taglio e il confezionamento delle dosi.

Il telefono dello spacciatore continuava a squillare anche durante le fasi dell’arresto e della perquisizione.

Il giudice ha convalidato l’arresto, deciso sull’istanza di patteggiamento e rimesso in libertà l’uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In forma dopo i 40/50 anni, ecco la dieta giusta

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento