Giro di hashish e coca, scatta il blitz in un appartamento a Bastia: quattro arresti

Coniugi nei guai. Droga nascosta nell'interparete realizzata all'interno della cabina armadio. Nel mirino dei militari anche due giovani

Marito e moglie e due giovani nei guai. I carabinieri di Bastia Umbria stavano monitorando la situazione già da un po' di tempo, cercando di far luce su un presunto fiorente giro di spaccio di hashish e cocaina nel centro cittadino. E così. dopo un servizio di appostamento , i militari hanno notato un giovane uscire dall'appartamento dei coniugi per poi scambiare con altri ragazzi alcuni involucri.

Sabato 10 marzo, ecco scattare la perquisizione dopo che lo stesso - uscito dall'abitazione "monitorata" - in cambio di denaro consegnava un involucro a un altro soggetto, risultato poi contenere 50 grammi di hashish per la somma di 150 euro. Inevitabile, a quel punto, il blitz in casa della coppia di coniugi dove i militari hanno ritrovato e sequestrato 22 panetti di hashish per due chili e duecento grammi, camuffati in una interparete realizzata all'interno della cabina armadio, altri 45 grammi di "fumo" celati all'interno del telaio di una sega a disco e dieci grammi di cocaina nascosti in una bottiglietta per il pepe oltre che la somma di 1.500 euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La perquisizione è stata estesa anche in casa del quarto indagato, un giovane di origini albanesi. Nel corso del controllo il suo telefono però avrebbe continuato a squillare per l'acquisto di hashish da parte di un consumatore che - sentito a s.i.t., avrebbe spiegato di averlo cercato per l'acquisto a uso personale. A quel punto per i due coniugi e per due ragazzi è scattato l'arresto, due ai domiciliari e due in carcere. Comparsi davanti al gip nella mattinata di ieri, in sede di udienza di convalida, la moglie ha spiegato di non sapere della presenza di droga all'interno dell'appartamento e il gip ha disposto per lei il ritorno in libertà. Al marito, in difficoltà economiche e disoccupato, sono stati concessi i domiciliari mentre per i due giovani sono stati concessi rispettivamente i domiciliari e l'obbligo di dimora. Gli indagati sono difesi dall'avvocato Roberto Tittarelli e Tucci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento