menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Era costretta a subire ispezioni corporali dal suo lui: "Così controllo se mi hai tradito"

L'uomo, difeso dagli avvocati Donato Gagliardi e Chiara Camilletti, è accusato di stalking, lesioni e percosse. La vittima picchiata ripetutamente perchè aveva preso un caffè con gli amici

Si presentava al suo cospetto completamente nuda per l'ispeziona quotidiana. Esaminava ogni centimetro del suo corpo con l'assurda pretesa di comprendere se altri uomini avessero lasciato su di lei tracce. L'uomo, adesso sotto processo per stalking, lesioni e minacce, era convinto di essere costantemente tradito dalla propria compagna. Un'ossessione che si era protratta nel tempo, al punto tale da spingere l'imputato a un controllo costante su cellulari e luoghi che frequentava la persona offesa. Come si legge nel consistente capo d'imputazione “minacciandola con un coltello alla gola, la costringeva a chiamare un suo conoscente per invitarlo a non chiamare mai più; inoltre costringeva la donna a chiamare altri suoi conoscenti per formulare lo stesso invito”.

Ma l'incubo non finisce qui, perché ben presto dalle assurde perquisizioni si passa alle lesioni vere e proprie. L'uomo, stando al racconto della vittima, preso da un impeto di rabbia “in alcune occasione avrebbe spinto la persona offesa a terra, ponendole le mani al collo, e facendole così sbattere più volte la testa sul pavimento, urlando infine che l'avrebbe ammazzata”. L'episodio non è però isolato e in un'occasione particolare “l'avrebbe presa a pugni in faccia e sullo stomaco” perché scoperta in compagnia di alcuni amici in un bar.

Un amore malato che però si protrae nel tempo, al punto tale che, nonostante le violenze subite, la donna decide di tornare a convivere con l'uomo, ma alla fine l'indole violenta del compagno fa nuovamente capolino nella loro vita. Riprendono le percosse e anche le minacce. Un incubo che la donna decide di chiudere lasciando colui che pensava di amare. L'uomo, difeso dagli avvocati Donato Gagliardi e Chiara Camilletti, si è presentato in aula per l'udienza di oggi, però immediatamente rinviata al prossimo 12 maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento