Todi, bracconiere getta dall'auto due cinghiali appena abbattuti

Si è beccato una denuncia per caccia durante una giornata di divieto venatorio. In località Piccione di Perugia, un altro cacciatore è stato sorpreso a cacciare fagiani

Due distinte operazioni di controllo sull'attività venatoria hanno vista impegnata nella giornata di ieri la Polizia provinciale di Perugia. Il fatto più eclatante si è verificato nel comprensorio di Todi, nel corso di un servizio notturno di antibracconaggio. In località San Damiano, gli agenti provinciali hanno scorto una vettura sospetta muoversi a velocità sostenuta, all'interno della zona di ripopolamento e cattura. Il mezzo si stava infatti lanciando all'inseguimento di cinghiali, riuscendo ad abbatterne due.

Ne è scaturito un breve inseguimento, nel corso del quale il conducente dell'auto, prima di venire fermato, si è liberato dei capi uccisi, lanciandoli fuori dall'abitacolo. Bloccato dagli agenti provinciali, il cacciatore si è visto contestare una serie di reati, quali caccia all'interno di z.r.c., caccia in epoca di divieto e caccia con mezzi non consentiti. Per il mezzo di trasporto è inoltre scattato il sequestro penale. Un'altra denuncia per caccia in giornata di divieto venatorio, sempre nella giornata di lunedì, è scattata in località Piccione di Perugia, dove un uomo è stato sorpreso a cacciare fagiani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento