Sparisce preziosa e costosissima collezione di dischi in vinile: affittuario contro padrone, la sentenza

Una collezione di dischi in vinile dal valore stimato di circa 40mila euro sparita nel nulla e un’accusa, per il proprietario dell’immobile da dove sarebbe stata trafugata la preziosa raccolta, di furto in abitazione

Una collezione di dischi in vinile dal valore stimato di circa 40mila euro sparita nel nulla e un’accusa, per il proprietario dell’immobile da dove sarebbe stata trafugata la preziosa raccolta, di furto in abitazione. Oggi, dopo la richiesta di rinvio a giudizio formulata a suo carico dalla procura e l’ammissione al rito abbreviato condizionato all’escussione di alcuni testi – è stato assolto dal gup Piercarlo Frabotta perché il fatto non sussiste.

Tutto sarebbe nato a seguito di una denuncia contro ignoti che il collezionista dei dischi - che abitava nell’abitazione concessa in comodato dall’imputato - aveva sporto nell’agosto del 2015 di ritorno dalle vacanze. Da lì, infatti l’amara sorpresa: i circa mille pezzi che il collezionista aveva accumulato grazie alla passione per la radio e per gli anni d’oro del rock , erano spariti.

Dopo la denuncia di scomparsa, a finire sotto accusa è stato il padrone dell'abitazione “per essersi impossessato, al fine di trarne profitto, di una collezione di circa mille pezzi che asportava dall'interno dell'abitazione, nella quale si introduceva".

Il proprietario di casa aveva chiesto le chiavi dell'appartamento per la certificazione energetica che sarebbe servita all’agenzia immobiliare per poter riposizionare l’immobile sul mercato e affittarlo dato che il collezionista avrebbe dovuto trovare un’altra soluzione abitativa. Lavori questi, poi posticipati dal momento che la casa si sarebbe liberata presto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’imputato, oggi assolto, era scattata anche una perquisizione dall’esito negativo mentre la difesa –avvocato Gabriele Caforio – tramite documentazione e testimonianze ha potuto far appurare la totale estraneità del suo assistito. La parte offesa si era costituita parte civile con l’avvocato Arturo Bonsignore: "Aspettiamo le motivazioni della sentenza per valutare eventuali iniziative del caso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 15 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento