menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Il mio datore di lavoro mi ha molestato sessualmente”, ma spunta l’ombra di una ripicca

La dipendente aveva ricevuto una contestazione disciplinare in merito ad alcuni ammanchi a danno del bar in cui lavorava

Una storia dai contorni oscuri, quella finita nella aule di giustizia del tribunale di Perugia: a essere protagonista è una ex dipendente di un bar, nella periferia di Perugia che ha sporto denuncia per molestie sessuali a danno del suo titolare di lavoro.

Tutto parte da una contestazione disciplinare che la donna riceve, per un episodio verificatosi qualche giorno prima: non aveva infatti emesso regolare scontrino fiscale. Il gestore inoltre, da tempo monitorava una situazione di ammanchi (pari a circa 100mila euro in un anno), qualcuna delle sue dipendenti, durante l’ora di servizio, non emetteva scontrini per “arraffarsi” i soldi delle vendite.

Venuta a conoscenza del provvedimento disciplinare, la donna inizia ad autelosionarsi volontariamente con graffi e altre azioni, una reazione incontrollata a cui farà seguito una lunga pausa dal lavoro. "Una crisi isterica forse eccessiva, per aver solo ricevuto un provvedimento"-spiega il legale dell'uomo, gestore del bar-una crisi avvenuta sotto gli occhi del poliziotto".

Poco tempo dopo però, la stessa dipendente denuncia che il suo datore l’aveva molestata sessualmente, portandola addirittura nei magazzini per poter approfittare di lei, e per avvalorare la tesi, chiama in causa “fantomatici” testimoni oculari, che però sembrano non avere mai visto nessun episodio simile.Intanto la situazione al bar diventa difficile, dopo la denuncia per molestie, un connazionale della dipendente entra e, come se nulla fosse, prende dal frigorifero una birra, convinto di poterlo impunentemente fare. 

A quel punto il datore di lavoro- difeso dall’avvocato Angelo Lonero, sporge a sua volta denuncia per calunnia e si costituisce parte civile, chiedendo il risarcimento di un euro, un valore simbolico per denunciare la gravità di quanto accaduto. Si tornerà in aula per l'ascolto dei teste della difesa, intanto è stato prodotto anche un video per documentare il furto ai danni dell'esercizio commerciale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento