rotate-mobile
Cronaca

Buona sanità, con un cuore artificiale nel petto torna a casa: è stato il primo caso perugino

A 73 anni tornerà nella sua Gualdo Tadino dopo un intervento da record per l'Ospedale Santa Maria della Misericordia. Operazione e decorso perfettamente riusciti: "Ora voglio tornare a vivere, ma prima una grande festa con tutti gli amici"

Operazione riuscita e anche decorso post-chirurgia filato via nel migliore dei modi. A 73 anni potrà tornare nella sua Gualdo Tadino dopo aver affrontare la prima operazione a Perugia - al S.Maria della Misericordia - di impianto di un cuore artificiale permanente. Le sue dimmissioni dal nosocomio sono state firmate proprio oggi dalla  equipe cardiochirugica , diretta dal  Dottor Temistocle Ragni. Fondamentale anche il monitoraggio del percorso assistenziale del paziente da parte del Direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera Prof Giuseppe Ambrosio: “Al termine della fase acuta, il paziente intraprenderà una  fase di riabilitazione in un centro specializzato,  con l’obiettivo di  accrescere il recupero di tutte le funzioni,   per favorire una  migliore qualità della vita. In più, si rende  necessario che si rapporti con  la nuova realtà, rappresentata  dallo impianto del dispositivo”.

L’uomo ed i suoi familiari, hanno voluto esprimere, prima delle dimissioni, apprezzamento per l’assistenza ricevuta dal personale medico ed infermieristico , chiedendo espressamente al Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia , Walter Orlandi di rappresentare a tutti gli operatori sentimenti di riconoscenza per la professionalità e l’assistenza ricevuta.

Il paziente, prima di lasciare  l’ospedale,  ha voluto dare appuntamento a  quanti lo hanno assistito in questo intervento cosi delicato, con queste parole: "Desidero organizzare una  grande festa a Gualdo Tadino, ed invitare più gente possibile.  Grazie per avermi restituito la gioia di vivere”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona sanità, con un cuore artificiale nel petto torna a casa: è stato il primo caso perugino

PerugiaToday è in caricamento