rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Detti perugini | Quando una coppia è malassortita: La Madonna de l Orzèa fa i cristian e pò l’apèa

La Madonna de l Orzèa // fa i cristian e pò l’apèa (la Madonna dell’Orzaia / fa le persone e poi le appaia). Quando una coppia è malassortita. Il detto era un tempo d’uso comune per indicare due persone di complessione fisica assai diversa (ma il riferimento può riguardare anche il carattere). Anche oggi, per ironizzare su una coppia il cui uno è altissimo e uno notevolmente più basso, uno è grasso e l’altro è magro… si dice che “fanno l’articolo iL” in cui la “i” è minuscola mentre la “elle” è maiuscola.

Un modo di dire “per tutti c’è speranza” e dunque si può sempre trovare l’anima gemella. Forma analoga chiama in causa S. Antonio abate, protettore delle bestie. Il detto recita “Ddio li fa e sant Antonino l acòppia”. Evidentemente, l’accoppiamento è, in questo caso, riferito alle persone (stavolta proponiamo ben due vignette di Marco Vergoni!). A proposito di Orzaia e di “orzo”, la lingua perugina lo usa per indicare l’orzaiolo, ossia  la tumefazione dolorosa e arrossata sul bordo della palpebra. Per vincere l’orzaiolo si praticavamo rimedi empirici, talvolta al limite della credulità stregonesca. Invece erano certamente efficaci impacchi con acqua di malva. 

Pericolosa l’abitudine di forare l’orzaiolo con un ago. Si ricorreva anche alla preghiera a Santa Lucia, protettrice della vista. Oppure si utilizzavano le “pietrine de santa Lucia”, sassetti “magici” che si passavano davanti o si strusciavano all’occhio infiammato. Espressione minacciosa in lingua perugina è “Sentirè che orzo” per dire che ci saranno conseguenze negative a tuo carico. L’origine richiama la parola “orzata” per dire “bòtte da orbi”. Che si esprime anche con “ordita” (“tla do io n ordita!”).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detti perugini | Quando una coppia è malassortita: La Madonna de l Orzèa fa i cristian e pò l’apèa

PerugiaToday è in caricamento