menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Donna trovata morta in carcere, l'ombra della droga killer: fissata l'autopsia sul cadavere della 42enne

La pista seguita è che la donna abbia assunto eroina, poi rivelatasi fatale. Se l'ipotesi trovasse conferma dagli esami autoptici e tossicologici, sarebbe la quarta vittima in un mese

Sarà effettuata  nella mattinana di domani, martedì 8 maggio, l'autopsia sul cadavere della detenuta 42enne ritrovata senza vita all'interno della sua cella, nel carcere di Capanne. Secondo una prima ricostruzione, che potrà essere confermata solo a seguito degli accertamenti autoptici e tossicologici, la 42enne potrebbe essere morta a causa di un' overdose da eroina. La tragedia si è consumata intorno alle 21.30 di venerdì 5 maggio: la donna, dopo aver usufruito di un permesso fuori dal carcere, aveva fatto rientro nella sua cella. Resta da capire se abbia consumato la presunta sostanza fuori dal carcere, o se sia riuscita ad occultarla per poi utilizzarla una volta rientrata nella sua cella, anche se pare non sia stato ritrovato nulla al suo interno. 

Le indagini sono coordinate dal pm Gemma Miliani, che ha disposto l'autopsia sul cadavere della 42enne italiana per far luce sulle cause della morte. L'autopsia verrà effettuata dal medico legale Sergio Scalise Pantuso: se la pista della droga verrà confermata, bisognerà capire chi le abbia venduto la dose, risultata poi fatale. Nel mese di aprile la droga ha già fatto tre vittime, come i due amici di Trevi, trovati senza vita a poca distanza l'uno dall'altro nelle rispettive abitazioni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento