Omicidio Ramazzano: niente domiciliari per le "belve"

Il Tribunale di Perugia ha respinto le richieste di attenuare la custodia cautelare nei confronti di Iulian Ghiorghita e Aurel Rosu. Vittoria della Procura

Non lasceranno il carcere di Capanne i due membri della banda autori di numerose rapina in villa e dell'uccisione di Luca Rosi a Ramazzano. Non è servito a Iulian Ghiorghita ammettere di aver violentato una donna nel corso della rapina a Resina per dimostrare di essere collaborativo e quindi meritevole di aspettare l'inizio del processo magari ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta dietro le sbarre anche il giovane Aurel Rosu accusato di rapina armata, furto e omicidio. Agli arresti domiciliaris si erano opposti i vertici della Procura. Preso anche il terzo uomo della banca che partecipò alla tragedia di Ramazzano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Al confine tra Umbria-Toscana: terribile schianto in A1, quattro vittime tra cui due bimbi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento