menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accurato check up a Sister Orca di Pian di Massiano in attesa di una visita "speciale"

Aspettando la visita della città gemellata di Seattle (una cui delegazione sarà a Perugia, il prossimo 16 settembre), la “pinna” del Pian di Massiano e il laghetto circostante marcano visita e vengono sottoposti a un accurato check up

Aspettando la visita della città gemellata di Seattle (una cui delegazione sarà a Perugia, il prossimo 16 settembre), la “pinna” del Pian di Massiano e il laghetto circostante marcano visita e vengono sottoposti a un accurato check up.

Come già riferito da Perugia Today, la zona è stata adeguatamente ripulita da poco, ma ora occorre proprio fare bella figura. E preparare un accurato replay.

I rapporti tra le due comunità avevano subìto una qualche incrinatura, a seguito della nota vicenda di Amanda, che è, appunto, originaria di quella città. Tanto che si vociferò che l’area verde di laggiù, destinata ad essere battezzata col nome del capoluogo umbro, fosse rimasta con l’intestazione “sospesa”.

Ora la visita ufficiale che sancisce la definitiva riconciliazione e prevede, naturalmente, la visita a “Sister Orca” dell’artista Marvin Oliver, al Pian di Massiano. Il laghetto era stato manutenuto, ma occorre rimetterci le mani. E non sarà opera facile né breve.

Innanzi tutto, andrà svuotato: i ciottoli di fiume bianchi saranno portati fuori e ripuliti. Nell’occasione si dovrà tirar via anche la terra che occupa il fondo, dato che quel deposito favorisce il proliferare di muffe, muschi, licheni e saprofiti. Il secondo problema è quello dell’acqua ferrosa che staziona nel laghetto.

Sloggiati i pesciolini (i quali, com’è noto, non amano la varichina), il liquido viene regolarmente clorato. Ma il fatto è che il cloro favorisce l’ossidazione di quell’acqua ferrosa che, nel volgere di qualche giorno, diventa verdognola e poi marroncina. Occorrerà, pertanto, svuotare il pozzo di alimentazione, rimettere acqua nuova, nella speranza che non subisca quel processo di intorbidimento.

Poi c’è da ripulire all’intorno. Delle immediate adiacenze si occupano i fontanieri del Comune, ma il resto tocca alla Sipa, titolare dei parcheggi circostanti.

Purtroppo c’è un particolare sgradevole: i soliti maleducati hanno preso l’abitudine di defecare nei cespugli intorno alla fontana. Le tracce organiche e i fazzolettini sparsi lo dimostrano inequivocabilmente. Sarebbe veramente spiacevole se agli occhi degli ospiti si parasse una visione del genere. Attenzione, dunque, a rimuovere le tracce di gente senza vergogna. Personaggi che la decenza impedisce di epitetare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento