Da investimento sicuro a truffa, perde ventimila euro con l'impianto fotovoltaico non a norma

In cinque sotto processo per aver installato un sistema farlocco, dispendioso e tramite documenti con firme false

Un investimento sicuro che avrebbe prodotto utili e salvaguardato l’ambiente, ma in realtà sarebbe una truffa finita sulla scrivania del giudice Marino Albani per il processo a carico di cinque persone.

Secondo l’accusa i cinque, con diverse responsabilità operative, avrebbero proposto “la sottoscrizione di un contratto per l’installazione di un impianto fotovoltaico” assicurando “indiscutibili benefici economici” quali “l’azzeramento di fornitura di energia elettrica per i successivi venti anni, possibilità di beneficiare dei contatori” di ultima generazione con “detrazione fiscale del 50%” e “impianto ecologico a zero costi”.

Proposte che avrebbero indotto in errore un umbro, assistito dall’avvocato Gianni Dionigi, che si è costituito parte civile dopo aver perso quasi 20mila euro nell’investimento.

Tra i documenti dell’accusa anche una relazione tecnica svolta da Federconsumatori in base alla quale sarebbe emerso che “il sistema installato ha un costo pari al 72% in più rispetto al prezzo di mercato di un sistema di qualità equivalente” che l’impianto “ha prodotto circa il 30% in meno rispetto a quanto potenzialmente raggiungibile a causa delle modalità con sui è stato installato”, anche sulla base di uno “schema installativo dei quadri ed inverter difforme a quanto riportato nello schema elettrico rilasciato al cliente” e, per finire, “le foto riguardanti il collaudo dell’inverter inviate all’Enel non si riferiscono” al prodotto installato a casa della persona offesa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno degli imputati deve rispondere anche di falso avendo inviato all’Enel i documenti che attestavano la delega “alla domanda di connessione alla rete gestione” nonché “dell’intero iter di connessione comprensivo delle scambio elettronico” con la firma falsificata del cliente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Università di Perugia, due nuovi corsi di laurea magistrale: Scienze della Terra per la Gestione dei Rischi e dell'Ambiente e Geology for Energy Resources

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento