menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bevagna, crisi idrica lago Aiso: gli interventi delle istituzioni

Nonostante i segnali di miglioramento evidenziati durante l'ultimo sopralluogo delle istituzioni e dell'Arpa, continua a la crisi idrica del lago Aiso di Bevagna

Perdura ancora la crisi del lago Aiso di Bevagna, anche se, a seguito del sopraluogo fatto dalla Provincia di Perugia, dall’Arpa, dal Comune di Bevagna e dalla Regione e le decisioni adottate, si iniziano a vedere dei segnali di miglioramento del livello dell’acqua. Lo afferma il capogruppo provinciale socialista Enrico Bastioli in una nota. 

A tutela dell’Aiso è stato deciso di interrompere temporaneamente – con ordinanza del Comune di Bevagna n° 82 del 11 agosto 2012 - ogni attingimento autonomo a qualsiasi uso in atto, ad esclusione degli attingimenti ad uso domestico ed idropotabili, all’interno dell’area definita “Aiso Tutela”.

Questa area è delimitata dalle seguenti aree di accesso nel Comune di Bevagna: via Cantone, via Passo della Paglia, (nel tratto compreso tra l’intersezione con via Cantone e l’intersezione con via Avelle), via Avelle (nel tratto compreso tra l’intersezione con via Passo della Paglia e l’intersezione con via Palombaro), via Palombaro, via dell’Aiso (tratto compreso tra l’intersezione con via Palombaro e l’intersezione con la S.P. 403) e via Ponte dell’Isola (tratto compreso tra via dell’Aiso e via Cantone).

E’ stato inoltre deciso di proseguire il monitoraggio del livello idrico del lago e dei pozzi limitrofi finalizzato alla valutazione dell’efficacia delle misure di salvaguardia adottate. A tale proposito è stata installata un’asta metrica per monitorare giornalmente lo stato del livello dell’acqua.

Il consigliere provinciale Bastioli, che aveva lanciato l’allarme sullo stato di salute dell’Aiso alla Provincia e al Comune di Bevagna lo scorso 21 giugno, esprime la sua soddisfazione per le decisioni prese e per i lavori eseguiti, frutto di collaborazione tra enti territoriali come Regione, Provincia, Arpa, Comune e Consorzio di Bonifica indispensabile per la tutela del nostro territorio e nello specifico del Lago Aiso, sito di interesse comunitario e apprezzato da tanti cittadini che continuamente lo frequentano.

"La speranza è che vicende come questa siano tempestivamente affrontate nel momento in cui iniziano a manifestarsi e che quanto prima le piogge tornino a bagnare le nostre campagne e le sorgenti in grandi difficoltà da molti mesi”.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento