Cronaca

Crisi commerciale dell’acropoli… irreversibile. Chiuso anche il negozio amatissimo dai giovani e non solo

Il nostro inviato cittadino registra l'ennesima chiusura di un marchio importante come Foot Locker

Crisi commerciale dell’acropoli… irreversibile. Chiuso anche il negozio Foot Locker, amatissimo dai giovani e non solo. Un marchio che opera molto sull’online con linee di rango per uomo/donna/bambino. Ma sono numerosi anche i negozi di successo sparsi per lo Stivale. In quella sede, c’era una volta il Trasimeno, ristorante di Furio Pagnotta (padre del direttore artistico di U.J., Carlo) dove approdarono grossi calibri del mondo della cultura e dello spettacolo: Totò, Silvana Pampanini, ma anche Orson Welles e Oriana Fallaci. Tanto per fare qualche nome. Ma l’elenco delle personalità, e le testimonianze fotografiche, sono tanto numerose da ricavarci un libro. Fu poi la volta del BIBO, primo locale di tendenza. Quindi altre trasformazioni fino alla più recente: quella in negozio di scarpe sportive per giovani e “meno giovani di tutte le età”.

Il successo fu decretato dalla frequenza di utenti, numerosa e qualificata. Quindi la crisi generalizzata, il caro affitti, una situazione aggravata dal covid e via piangendo. Al punto che le attività, inizialmente lucrose, cominciano a zoppicare diventando antieconomiche. Si cerca di reggere finché si può, poi si fa il pieno (di rabbia) e si abbassano le saracinesche. È accaduto proprio questo a Foot Locker. Pare che i canoni fossero ormai insopportabili. E dire che i locali – a quanto è dato di sapere – appartengono all’Università e al Comune di Perugia. C’è però qualche chiarezza da fare. La città aspetta le spiegazioni e le prese di posizione dei due enti. Ci si metta una mano sulla coscienza e si decida di conseguenza. Altrimenti, dovremo rassegnarci a queste e ad altre chiusure. Che non saranno poche né meno dolorose.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi commerciale dell’acropoli… irreversibile. Chiuso anche il negozio amatissimo dai giovani e non solo

PerugiaToday è in caricamento