rotate-mobile
Giovedì, 18 Agosto 2022
Cronaca

Covid in Umbria, il bollettino del 3 luglio: tutti i dati aggiornati

Gli attualmente positivi sono 16.014, processati 573 tamponi e 3.850 test antigenici

La crescita della curva del contagio da coronavirus in Umbria continua. Attualmente positivi sopra 16mila e ricoveri in aumento. Nell'ultimo giorno sono stati registrati 1518 nuovi positivi e 908 guariti, a fronte di 573 tamponi e 3.850 test antigenici processati. Nelle ultime 24 ore non ci sono stati nuovi decessi legati al Covid-19.  

Secondo il bollettino della Regione Umbria e della Protezione Civile, aggiornato alle 8 di domenica 3 luglio 2022, sono 16.014 (+610 rispetto al 2 luglio) gli attualmente positivi al coronavirus in Umbria. 

Al 3 luglio sono 197 (+10 rispetto al 2 luglio) i positivi ricoverati negli ospedali dell'Umbria - di cui 6 (+1 rispetto al 2 luglio) in rianimazione, 131 (+3 rispetto al 2 luglio) in area medica Covid e 60 (+6 rispetto al 2 luglio) negli altri reparti ospedalieri - e 0 (dato invariato) gli ospiti nelle Rsa Covid.  

aggiornamento_03_luglio_2022-2

Covid in Umbria, trend ancora in aumento. Coletto: "Omicron 5 ha un tasso di infezione 6 volte più alto dell’influenza stagionale"

Omicron 5 e l'aumento dei contagi

L'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, spiega che "l’aumento dei contagi sul territorio regionale è in linea con la tendenza che si sta riscontrando in tutto il paese ed essenzialmente, deriva dal fatto che la variante Omicron 5 ha un tasso di infezione 6 volte più alto dell’influenza stagionale. E anche se la gravità dei sintomi non è alta, nelle persone fragili o immunocompromesse e per gli over 80, i sintomi possono essere importanti, tanto da richiedere l’ospedalizzazione. In questa fase risulta importante quindi, evitare di sovraccaricare i presidi ospedalieri”.  

Covid, terapie e vaccini

L’assessore Coletto ricorda "la necessità di mantenere viva l’attenzione su tutte le forme di prevenzione utili a evitare il contagio". E ancora: "L’utilizzo delle terapie precoci, con anticorpi monoclonali o con antivirali orali – prosegue Coletto -  entro 5 giorni dall'esordio dei sintomi, nei soggetti con fattori di rischio per sviluppare una malattia severa, è molto importante per ridurre la progressione del covid e la conseguente ospedalizzazione. Da tempo ormai – aggiunge – ho fortemente sostenuto, dopo aver sentito il parere dei medici esperti e dei ricercatori, l’utilizzo dei monoclonali per la cura della malattia prodotta dal covid". 

Per quanto riguarda i vaccini Coletto evidenzia "la necessità della seconda dose booster ai soggetti fragili e agli ultraottantenni". L'assessore anticipa che "è stata inviata una nota ai distretti per inserirli nella programmazione attiva della somministrazione che andrà prodotta entro il mese di luglio 2022". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid in Umbria, il bollettino del 3 luglio: tutti i dati aggiornati

PerugiaToday è in caricamento