menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, parroci e fedeli italiani in preghiera per il Cardinale. Il vescovo Salvi: "Siamo vicini a lui"

Si aggravano le condizioni di salute del cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti

In migliaia in preghiera per il cardinale Gualtiero Bassetti le cui condizioni di salute si sono aggravate dopo alcuni giorni di ricovero all'Ospedale di Perugia. Il capo della Cei è risultato positivo al Covid ed è attualmente ricoverato in terapia intensiva (dal 3 novembre scorso). "In questo momento siamo ancor più vicini spiritualmente al nostro Pastore – ha sottolineato il vescovo ausiliare Marco Salvi –. Insieme alle cure mediche, il Pastore Gualtiero è attorniato in questi giorni dall’affetto e dalle preghiere incessanti di tante persone e comunità oranti, non solo in Diocesi, ma in tutta Italia, dove il suo sorriso e i suoi messaggi sono entrati in profondità nel cuore di tanti».

Il vescovo ha chiesto a fedeli e parroci di pregare sia per il cardinale che per quanti stanno vivendo la medesima prova e per gli operatori sanitari che si prendono cura di tutti loro. «Con particolare fede invochiamo, come ci ha chiesto il nostro cardinale – prosegue mons. Salvi –, il Beato Carlo Acutis, il Venerabile Vittorio Trancanelli e il Servo di Dio Giampiero Morettini». Questi ultimi due sono figli della terra umbra: il medico chirurgo Trancanelli, definito dallo stesso Bassetti il «buon samaritano in sala operatoria e nella vita», i cui resti mortali riposano nella chiesa dell’Ospedale di Perugia; il giovane seminarista Morettini, la cui tomba è meta di un costante pellegrinaggio di fedeli, del quale è in fase di avvio il Processo informativo diocesano sulla vita, virtù e fama di santità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento