menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Eccellenze umbre - Anticorpi monoclonali, ecco le prime sacche prodotte all'ospedale di Perugia

Grande lavoro di squadra tra farmacisti dell’Azienda Ospedaliera di Perugia e della USL Umbria 2 grazie al sistema robotizzato del laboratorio di galenica clinica dell’ospedale di Perugia

Prodotta la prima sacca di anticorpi monoclonali. Grazie al lavoro di squadra e alle competenze dei farmacisti dell’Azienda Ospedaliera di Perugia e della USL Umbria 2, è stata appronotata ieri la prima sacca di anticorpi monoclonali preparata con il sistema robotizzato del laboratorio di galenica clinica dell’ospedale di Perugia.

"Grande soddisfazione per il risultato raggiunto. Ci tengo particolarmente a complimentarmi con i medici, i professori e i farmacisti delle aziende pubbliche che, con grande impegno e professionalità, hanno portato avanti studi sugli anticorpi monoclonali – ha detto l'assessore Coletto - che in questo momento sono di interesse primario visto che, con questo tipo di cura, si potrà salvare la vita a molte persone e, allo stesso tempo, si evitano ricoveri permettendo di riportare pian piano la gestione degli ospedali verso la normalità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli anticorpi monoclonali rappresentano una grande conquista nel campo della cura per le persone positive al covid che, insieme alle vaccinazioni e alle altre terapie permetteranno dall'emergenza.

La preparazione robotizzata del medicinale – spiegano dall’Azienda ospedaliera di Perugia - consente di garantire un livello qualitativo di sicurezza più elevato rispetto all’allestimento manuale. La reportistica prodotta dal sistema digitale permette di valutare la coerenza di quanto prescritto rispetto al preparato e monitorare ogni fase del processo.

Nell’ottica futura di incremento del numero delle somministrazioni tale modalità assicura una efficienza maggiore del processo di prescrizione, allestimento e somministrazione di questi importanti farmaci per la terapia delle infezioni da SARS-Cov2.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento