menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Chiusura discriminante", il Tar riapre i centri estetici in "zona rossa"

In base ai protocolli Inail e del Cts si tratta di "luoghi sicuri" come barbieri e parrucchieri

Il Tribunale amministrativo regionale del Lazio riapre i centri estetici anche in “zona rossa”.

La sentenza del Tar annulla quanto stabilito dall’ultimo Dpcm in vigore fino al 5 marzo, con il quale si chiudevano i centri estetici nelle zone rosse relegando questi ad un piano di “non essenzialità” rispetto ai barbieri e parrucchieri, invece, rimasti aperti.

Secondo i giudici amministrativi si tratterebbe di una discriminazione in quanto i centri estetici “sono luoghi sicuri” secondo le linee guida stabilite da Inail e dal Comitato tecnico scientifico: “l’estetista lavora in ambienti generalmente singoli e separati (cabine) e le prestazioni tipiche comprendono già misure di prevenzione del rischio da agenti biologici alle quali ci si deve attenere rigorosamente nello svolgimento della normale attività professionale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento