menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Lega all'attacco: "Preoccupa l'aumento di contagi a Gubbio. Il sindaco deve intervenire"

I consiglieri leghisti chiedono al primo cittadino di attivarsi "di fronte a questa situazione sanitaria allarmante" e di prendere provvedimenti per contrastare le irregolarità

Lega all'attacco sul caso dei contagi record nel territorio comunale di Gubbio: "Il sindaco è assente e immobile di fronte a questa situazione sanitaria allarmante, prenda provvedimenti per contrastare le irregolarità".

Secondo i consiglieri del Gruppo Lega Michele Carini, Angelo Baldinelli e Stefano Pascolini non è stato preso alcun "provvedimento da parte del sindaco di fronte ad una situazione sanitaria allarmante nel nostro comune che, dopo i capoluoghi di provincia, registra il più alto tasso di contagiosità Covid-19 in Umbria".

A fronte di dati regionali che inducono a pensare ad un ritorno in zona gialla, a Gubbio persiste una "forte criticità, dove si registrano 8,02 contagi ogni 1.000 abitanti - proseguono i consiglieri – Il sindaco è assente, immobile e non può restare indifferente con questi elevati numeri di contagi, ma deve attivarsi per fare controlli più capillari e rigidi in questa fase".

I consigliere della Lega non negano i comportamenti di qualche irresponsabile, ma ricordano che "i cittadini per la maggior parte sono responsabili" e che spetterebbe al sindaco "contrastare le irregolarità", anche per "evitare che ci sia una deriva dal punto di vista sanitario e socio economico - conclude la nota - è necessario che il sindaco faccia valere la sua figura e prenda i provvedimenti necessari, in quanto è titolare della salute e della sicurezza pubblica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento