Cronaca

Coronavirus e divieti, un pomeriggio di foll(i)a e assembramenti in centro storico a Perugia

Ragazzini ubriachi e urlanti a Porta Sole dal primo pomeriggio. Lite e minacce con uno sgabello in piazza Matteotti

Un pomeriggio di foll(i)a e assembramenti in centro storico a Perugia. Alla vigilia dell’introduzione della zona arancione, il centro di Perugia è tornato vivo come in qualsiasi altro periodo. Folle di ragazzini e file di auto hanno contraddistinto un sabato pomeriggio “normale”, se non fosse che la situazione tale non è.

A Porta Sole, gli assembramenti denunciati nel corso dell’estate, con bivacchi notturni e angoli di città trasformati in gabinetto a cielo aperto, si sono riproposti. Con due varianti: ormai non accade più il tutto a notte fonda, in virtù del coprifuoco che scatta alle 22, ma gli assembramenti avvengono prima, dalle 17 in poi. Sono cambiati i protagonisti: se prima era giovani universitari, adesso sono ragazzini dai 14 ai 17 anni che si nascondono per i vicoli di Porta Sole con gli zaini pieni di bottiglie di alcol e si radunano per bere.

Tutti senza mascherina, scambiandosi le bottiglie e passandosi qualche canna. Urlando e urinando dove capita, dietro alle auto in sosta, agli angoli dei palazzi o davanti ai portoni. Un residente ha raccontato di aver aperto la porta di casa e di essersi trovato davanti due ragazze accucciate che urinavano davanti ad almeno quattro ragazzi.

Un’altra residente è uscita di casa per lamentarsi del baccano e della puzza di urina sotto la sua finestra: le ragazze del gruppo si sono messe a riderle in faccia, mentre un ragazzetto le si è avvicinato e l’ha minacciata. Tutti erano senza mascherina.

Sono state chiamate le forze dell’ordine e verso le 18.30 una pattuglia dei Carabinieri ha fatto un passaggio, con tutti i ragazzi che si sono dileguati (forse anche perché diretti verso le proprie case).

Orde di ragazzini anche in piazza Matteotti dove sono intervenute una pattuglia della Polizia municipale e una della Polizia di Stato per un diverbio. Secondo quanto raccontato dai testimoni un giovane, particolarmente alticcio, sarebbe stato infastidito da un gruppo di ragazzini e, dopo insulti e minacce, questo avrebbe afferrato uno sgabello di un locale in piazza, e minacciato i ragazzini.

Dalle foto pubblicate sui social e inviate da alcuni lettori, infine, si può vedere l’affollamento in centro storico nella giornata di ieri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e divieti, un pomeriggio di foll(i)a e assembramenti in centro storico a Perugia

PerugiaToday è in caricamento