menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi edilizi a Magione? Costruttore e geometra sui banchi degli imputati, tutte le accuse

A finire sotto processo un costruttore edile e un geometra: martedì una nuova udienza davanti al giudice con l'ascolto del teste del Pm. Ecco tutta la vicenda

Un geometra ed un costruttore edile del Sud Italia, sotto finiti sotto accusa per un presunto abuso edilizio e per il reato di natura paesaggistico ambientale, "per avere, nelle loro rispettive qualità di proprietario dell'immobile e direttori dei lavori, e progettista architettonico,  eseguito lavori  in totale difformità in relazione a quattro edifici di civile abitazione e negozi siti in Magione".  si legge nel capo d'imputazione. 

I fatti risalgono al 2012 e martedì 22 novembre, si terrà una nuova udienza davanti al giudice, con l'ascolto de testi. "Il gemoetra, spiega il  difensore Roberto Rossi, nonostante il provvedimento è fiducioso nelle sorti dell'assoluzione del processo, in quanto aveva esortato il costruttore a muoversi diversamente rispetto alla modalità in cui avrebbe agito. Tanto da aver presentato un mandato di revoca dall' incarico". 

I due professionisti sono finiti sotto la lente della giustizia per via di alcune difformità rispetto al progetto orignario sulla costruzione di quattro palazzine, in particolare, secondo l'accusa, le abitazioni sarebbero state costruite più grandi del dovuto, con parere negativo vincolante della Soprintenza che rilevava la modifica del complesso naturale paesaggistico tutelato, e la corrispondente produzione di danno ambientale. In particolare, si legge ancora dal capo d'imputazione: "eseguivano la costruzione delle quattro palazzine con sopraelevazione delle quote assolute dei colmi delle rispettive coperture di mt 1,40 rispetto al progetto origniario". 

Dalle accuse mosse al costruttore emergerebbe anche un altro fatto: sarebbero stati adibiti i sottotetti privi di agibilità e abitabilità, in palazzine per le quali non è stata presentata la dichiarazione di fine lavori, a piano attico di civile abitazione, con "mutamento di destinazione d'uso e in totale difformità dalle planimetrie depositate". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Motori

Nuova Jeep Compass ora anche a Perugia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento