I cittadini e la Polizia fanno squadra: arrestati due pusher, espulsi in 24 ore

L'occhio vigile dei residenti fa catturare in zona Cortonese due spacciatori. La droga nascosta nei pennarelli

Ancora una volta una segnalazione da parte dei cittadini, su un giro di spaccio che coinvolgeva anche giovanissimi assuntori, ha permesso agli agenti della Questura di Perugia di arrestate i pusher e a tempo di record di rispedirli fuori dai confini nazionali. La segnalazione indicava la fermata del Minimetro di via Cortonese come luogo di spaccio. Gli agenti hanno individuato immediatamente due individui sospetti ma hanno atteso che effettuassero lo scambio con un acquirente e poi sono intervenuti.

Indentificati sia il cliente - un italiano - che aveva acquistato alcuni grammi di cocaina che i due spacciatori: si tratta 
di un ventenne ed un ventiduenne albanesi che stavano spacciando a bordo di una Mercedes. Dalla perquisizione gli agenti hanno ritrovato, nel cassettino porta oggetti dell’abitacolo, un pennarello, dove, all’interno, erano nascoste 5 palline contenenti cocaina. Poco più di 4 grammi di stupefacente. 

Nella loro abitazione è stato trovato un altro pennarelli utilizzato come astuccio per la droga: anche in questo caso 
all’interno c'erano nascoste altre 4 palline identiche a quelle già sequestrate. Gli albanesi, sono stati arrestati per detenzione a fini di spaccio e trattenuti in Questura, presso le camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo. Ieri mattina sono stati processati, condannati e rimessi in libertà a disposizione dell’Ufficio Immigrazione, poiché erano già avviate le procedure per il loro rimpatrio.

Difatti i due, dopo essere entrati regolarmente sul territorio nazionale la scorsa estate come turisti, non hanno fatto rientro in patria entro i 90 giorni consentiti. In 24 ore sono stati accompagnati alla Frontiera: per fortuna la più vicina, quella dell’Aeroporto da dove sono partiti per Tirana. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento