rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Corso Giuseppe Garibaldi

Assemblea Piazza Grimana/2 - Quel silenzio di Corso Garibaldi: i pusher perdono l'arroganza

Mentre l'assemblea dei cittadini va in scena alimentata da una folla pronta a ribellarsi, siamo andati a vedere nei vicoli di Corso Garibaldi dove stavolta si muovevano solo ombre intimorite dai residenti e dai controlli della Polizia. Un nuovo inizio?

Piazza Grimana grida il suo dolore per questa città che deve convivere, come mai in passato, con la violenza e il degrado alimentato dai pusher. Ma mentre Piazza Grimana grida, Corso Garibaldi sussurra ancora.  Sono le 19 e mezza, il Sindaco è preso dal suo intervento. Quell’intervento richiesto da tutta la popolazione. Un monologo che parla di una realtà "a cui tutti stiamo lavorando per riportare a la situazione in stabilità". C'è molto da fare e i tempi non saranno certo brevi. Gli spacciatori infatti continuano a muoversi, seppur stavolta con pena spavalderia, nei vicoli. Complottano tra loro. Cosa realmente si dicono nessuno lo sa. Corso Garibaldi è solo apparentemente deserto dopo che in massa residenti e commercianti si  sono recati all'assemblea.

Si prosegue e in un’altra via, via dei Pellari per essere precisi, accanto a un portone sono abbandonati sacchetti di immondizia non certo differenziati. Vicino a quel cumulo c'è ch si rulla una canna, insieme a qualche amico. E restano in attesa dei rifornimenti. Qualche passo più avanti qualcuno spaccia. Le urla della Piazza qui non si sentono. La gente passeggia guardinga. I kebabbari sono aperti restando al loro posto. La “medina” di Perugia sembra mantenere quel suo sapore esotico di cous cous e narghilè. Ma oggi è un giorno diverso, un giorno di quelli che verranno ricordati come il risveglio civico di massa dei commercianti e residenti. Uniti sono scesi in campo e per la prima volta il boato civile si è alzato. 

Cala la sera. Di spaccio a cielo aperto in maniera spavalda neanche l'ombra. Sfrecciano le auto delle forze dell'ordine. L'indignazione resta. Qualche voce fuori dal coro profetizza: "Qualche giorno e tornerà tutto come prima". Ma per adesso un silenzio misterioso aleggia in corso Garibaldi e piazza Grimana in un clima quasi autunnale o post-bellico. Se non fosse per la presenza dell’arto Etrusco sembrerebbe di stare in una altro territorio dopo il clamore delle settimane scorse. Basta purtroppo risalire per alcune vie del centro per rendersi conto che siamo ancora in quella Perugia malata: e c'è molto da fare. Ma qualcosa dal 2 settembre è cambiato. grazie ai cittadini. A tutti i cittadini senza distinzione di colore, ruolo e cultura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea Piazza Grimana/2 - Quel silenzio di Corso Garibaldi: i pusher perdono l'arroganza

PerugiaToday è in caricamento