Cronaca

Coronavirus, vaccino AstraZeneca: la relazione completa dell'Ema

L'Aifa riporta le conclusioni dell'agenzia europea del farmaco dopo la revisione preliminare di un segnale inerente l’insorgenza di trombi nelle persone vaccinate con il siero dell'azienda anglo-svedese

INFORMAZIONI PER I PAZIENTI:

Il vaccino COVID19 AstraZeneca non è associato ad un aumento del rischio complessivo di disturbi della coagulazione del sangue.
Si sono verificati casi molto rari di disordini inusuali della coagulazione del sangue, accompagnati da bassi livelli di piastrine (componenti che favoriscono la coagulazione del sangue) dopo la vaccinazione. I casi segnalati sono avvenuti quasi tutti in donne di età inferiore ai 55 anni.
Poiché il COVID19 può essere estremamente grave ed è così diffuso, i benefici del vaccino nel prevenirlo superano i rischi di effetti indesiderati.
Tuttavia, se si verificasse uno dei seguenti sintomi dopo aver ricevuto il vaccino COVID19 AstraZeneca:
affanno dolore al petto o allo stomaco gonfiore o freddo ad un braccio o una gamba; mal di testa grave o in peggioramento, o visione offuscata dopo la vaccinazione sanguinamento persistente piccoli lividi multipli, macchie rossastre o violacee, o versamenti ematici (flittene) sotto la pelle cercate immediata assistenza medica e menzionate la vostra recente vaccinazione.

INFORMAZIONI PER I PAZIENTI

INFORMAZIONI PER GLI OPERATORI SANITARI

MAGGIORI INFORMAZIONI SUL MEDICINALE

MAGGIOR INFORMAZIONI SULLA PROCEDURA

Continua a leggere >>>

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, vaccino AstraZeneca: la relazione completa dell'Ema

PerugiaToday è in caricamento