menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino anti-Covid, Umbria tredicesima per dosi somministrate: tutti i numeri aggiornati

Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, nella regione è stato somministrato il 38,2% delle dosi consegnate

Se le prime 9.750 dosi consegnate in Italia per il 'Vaccine Day' del 27 dicembre erano state tutte somministrate, non si può dire lo stesso delle ulteriori 685.425 dosi di vaccino anti-Covid distribuite dal governo alle Regioni dal 31 dicembre al 5 gennaio. Di queste, secondo i dati del Ministero della Salute aggiornati alle ore 9:29 di oggi (giovedì 7 gennaio), sono 322.943 (196.661 a donne e 126.282 a uomini) quelle già somministrate (il 46,5% del totale) nei 293 punti di somministrazione presenti sul territorio nazionale (quattro dei quali in Umbria, dove sono attivi gli ospedali di Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello).

Coronavirus, le nuove regole: cosa si può fare e cosa è vietato fino al 15 gennaio

Al di sotto della media nazionale l'Umbria, dove sono state somministrate 3.759 (2.125 a donne e 1.634 a uomini) delle 9.835 dosi arrivate alla Regione (il 38,2%): la fascia 50-59 anni è stata la più vaccinata finora con 993 dosi somministrate, seguita da quella 40-49 anni (932 dosi), 30-39 anni (799 dosi), 60-69 anni (781 dosi), 20-29 anni (233 dosi), 70-79 anni (24 dosi), 80-89 anni (6 dosi) e 90+ anni (una dose). Degli umbri finora vaccinati sono sono 3.731 gli operatori sanitari e sociosanitari, 11 i soggetti rientranti nel personale non sanitario e 17 gli ospiti di strutture residenziali.

Coronavirus, Scuola: slitta la ripresa dell’attività in presenza al 50% per le superiori

La campagna di vaccinazione, a guardare la 'mappa' fornita dal dicastero, procede intanto a velocità diversa nelle varie zone del Paese che vede in testa alla speciale 'classifica' il Veneto (84,4% delle dosi a disposizione già somministrate), seguito da Toscana (79,9%), Lazio (67,2%), Provincia autonoma di Trento (62,9%) e Puglia (60,5%). Ancora attardate rispetto alle altre regioni invece Calabria (15,7%), Sardegna (18,5%), Valle d'Aosta (20,4%) e Lombardia (21,6%). Dei 322.943 italiani finora vaccinati 274.669 sono operatori sanitari e sociosanitari, 30.488 soggetti rientranti nel personale non sanitario e 17.786 ospiti di strutture residenziali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento