menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, residenza protetta Fontenuovo: ricoverati tre anziani, due negativizzati

A diramare il bollettino è la direzione sanitaria della struttura perugina: "Abbiamo avuto il persistere di sintomatologie febbrili e la comparsa di episodi di desaturazione per alcuni ospiti"

Tre anziani ricoverati e prime due negativizzazioni nella residenza protetta Fontenuovo, dove da giorni è scattato l'allarme coronavirus con decine di casi tra ospiti e personale. A fare il punto della situazione è la direzione sanitaria della struttura perugina, con una nota di aggiornamento diramata ieri (lunedì 2 novembre). "Nella giornate di ieri e di oggi - spiegano da Fontenuovo -, abbiamo avuto il persistere di sintomatologie febbrili e la comparsa di episodi di desaturazione per alcuni ospiti, che sono stati valutati, in entrambe le giornate, dai colleghi dell’Usca (e dalla dottoressa Cesarini che oggi è rientrata al lavoro). Si è provveduto ad istituire le terapie del caso e sono state eseguite tre ospedalizzazioni a garanzia del miglior livello di cura".

Case di riposo, Rsa e comunità: l'ultimo monitoraggio dell'Usl Umbria 1

La situazione insomma non è facile: "Purtroppo molti dei nostri ospiti si trovano nella fase centrale del periodo di virulenza dell’infezione - si legge ancora nella nota - e per tale ragione possono presentare comparsa o peggioramento della sintomatologia. Inoltre tali peggioramenti (che possono presentarsi prevalentemente nelle ore serali) decorrono con carattere di imprevedibilità e rapidità, ostacolando anche la comunicazione tempestiva o determinando, occasionalmente, l’alternanza di notizie contrastanti. Prosegue l’attento monitoraggio di asintomatici e negativi; prosegue anche la sorveglianza mediante tampone, secondo cronoprogramma dedicato e i primi 2 Ospiti sono “tornati” negativi, al controllo odierno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento