rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Coronavirus in Umbria, la Tesei incontra i sindacati: "Avvio dello 'Scenario 4' per gli ospedali"

Nell'incontro con i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil la 'governatrice' ha preannunciato una delibera per l'aumento dei posti letto, mentre sul boom di contagi spiega: "Il numero di tamponi effettuati è 6 volte più alto della media nazionale"

Giornata di confronto quella di oggi (giovedì 30 dicembre) in Umbria tra Donatella Tesei e i sindaci Cgil, Cisl e Uil, i cui rappresentanti regionali (Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Maurizio Molinari) si sono incontrati nel pomeriggio con la 'governatrice' e con Luca Coletto, assessore umbro alla Salute.

Coronavirus in Umbria, la mappa al 30 dicembre: tutti i dati comune per comune

Il boom di contagi

La presidente, come fa sapere la Regione, ha ribadito ai rappresentanti dei lavoratori la disponibilità, nonché l’utilità, di un continuo confronto con le forze sociali. Tesei e Coletto sono poi entrati nel merito delle tematiche e problematiche sollevate dai sindacati, “difficoltà - hanno sostenuto - in gran parte riguardanti tutte le regioni italiane, disegnando il quadro attuale a iniziare dall’aumento registrato in Umbria dei casi di positività al Covid, dovuto alla contagiosità di Omicron, ma anche dall’elevato numero di tamponi effettuati, ben 6 volte più alto della media nazionale. Nella nostra regione viene tamponato ogni giorno circa il 3% della popolazione regionale, contro lo 0,5% della media nazionale”.

Coronavirus in Umbria: test antigenici di fine quarantena da medici di famiglia e pediatri

Le vaccinazioni

L’assessore Coletto ha anche sottolineato che è in dirittura d’arrivo un accordo con l’Esercito Italiano, come richiesto anche dagli stessi sindacati, per incrementare i punti dove è possibile fare i tamponi. In merito ai vaccini, è stato sottolineato che l’Umbria, come riportato dalla fondazione Gimbe, è tra le regioni migliori per popolazione vaccinata e per quantità di terze dosi (coperta con il booster il 62,1% della popolazione regionale contro la media italiana del 58,9%), dimostrando una elevata capacità vaccinatoria, incrementata anche dall’orario prolungato sino alle ore 24 in quattro hub vaccinali.

La scuola

Tra gli argomenti affrontati: scuole, quarantena e tamponi per gli studenti. La presidente Tesei ha confermato che non è prevista una quarantena di 14 giorni per gli studenti delle classi ove è stato riscontrato un positivo, ma valgono le stesse regole, nazionali e regionali, del resto della popolazione. Proprio sulle scuole, la presidente ha anticipato che a breve vi sarà la possibilità di effettuare in farmacia tamponi gratuiti, pagati dalla Regione, per tutti gli studenti sino a 18 anni, in vista della riapertura degli Istituti.

Coronavirus e scuola, test gratis in farmacia per la fascia 0-12 anni: prorogato lo screening

Gli ospedali

Infine è stato affrontato il tema degli ospedali della rete umbra. Pur partendo dalla situazione attuale, che vede a oggi l’Umbria come quinta regione in Italia con più posti letto covid liberi negli ospedali, è stato annunciato che domani sarà adottata una delibera dalla Giunta, in riferimento al Piano pandemico, che prevede l’avvio dello 'Scenario 4' e dà mandato al Commissario Covid di passare al '5' se ve ne fosse la necessità.

Il primo scenario consta nell’attivazione di 197 posti Covid negli ospedali già coinvolti (Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello) mentre il successivo riguarderebbe, se ve ne fosse bisogno, un ampliamento di posti letto e l’utilizzo parziale di ulteriori strutture. Il tutto dopo coinvolgimento delle istituzioni locali, in maniera progressiva e graduale a seconda delle necessità e in maniera paritetica territorialmente, senza l’individuazione di 'Covid Hospital'. "Il Piano emergenziale, nella sua massima espansione ad oggi non necessaria - spiegano dalla Regione -, può arrivare a ospitare 700 pazienti covid in area medica e 200 nelle terapie intensive".

Coronavirus in Umbria, arrivano i rinforzi per il tracciamento: in campo la Protezione Civile

Il bilancio dei sindacati

“La risposta della Regione è stata positiva - affermano Sgalla, Manzotti e Molinari - ma sappiamo che oltre alla buona volontà espressa a parole serve una fase attuativa immediata e all’altezza dell’emergenza. Sarà nostro compito vigilare quotidianamente sull’attuazione di questi impegni e continuare il confronto nell’interesse generale della popolazione umbra”.

I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil hanno infatti ribadito alla presidente e all’assessore le gravi difficoltà che in questi giorni i cittadini e le cittadine umbre stanno vivendo: “Non è possibile che, a quasi due anni dall’inizio della pandemia - hanno osservato Sgalla, Manzotti e Molinari - la Sanità dell'Umbria si trovi ancora una volta in affanno e in emergenza, con il personale costretto a farsi carico di tutte le carenze organizzative e di organico che non sono state ancora risolte”. I tre segretari hanno poi esternato tutta "l’indignazione delle cittadine e dei cittadini umbri, costretti alle interminabili file per i tamponi di questi giorni”, file che "non solo hanno creato forti disagi alle famiglie coinvolte, ma hanno ostacolato il tracciamento e favorito ancora una volta la sanità privata”. 

Le difficoltà del mondo lavoro e del sistema produttivo e il rientro a scuola sono stati gli altri temi toccati nell’incontro. Infine, i tre segretari generali hanno ribadito tutta la loro contrarietà per la modalità con cui la Regione ha “coinvolto” le organizzazioni sindacali nella discussione sul piano sanitario regionale, con l’invito a una riunione di un’ora e mezza il 31 di dicembre, convocata non dall’assessore competente, ma da un dirigente.  Prendendo la parola, la presidente Tesei e l’assessore Coletto hanno ammesso l’inadeguatezza della procedura seguita e comunicato che la discussione sul piano sanitario sarà affrontata più avanti, a gennaio, con le giuste modalità di partecipazione.

A questo punto Cgil, Cisl e Uil - mettendo da parte la questione del piano sanitario e delle assunzioni, che andrà affrontata in maniera ordinata a gennaio, anche sulla scorta delle decisioni che il consiglio dei ministri prenderà nelle prossime ore - hanno concordato con la Regione quattro interventi prioritari: avviare già domattina tutti i tavoli su salute e sicurezza nelle direzioni delle aziende sanitarie e ospedaliere, con il coinvolgimento delle rappresentanze sindacali dei lavoratori della sanità e degli Rls (responsabili dei lavoratori per la sicurezza), per una gestione partecipata dell’emergenza e dell’organizzazione del lavoro; tamponi gratuiti per gli studenti e le studentesse al rientro a scuola e per tutte le persone positive al termine del periodo di isolamento previsto; l’immediata implementazione dei centri per l’effettuazione dei tamponi e quindi del sistema pubblico di tracciamento; la convocazione di un tavolo permanente con Confindustria e le altre associazioni datoriali per gestire la nuova emergenza nei luoghi di lavoro e discutere di cassa integrazione covid e ammortizzatori sociali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus in Umbria, la Tesei incontra i sindacati: "Avvio dello 'Scenario 4' per gli ospedali"

PerugiaToday è in caricamento