rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, la nuova mappa del rischio dell'Unione Europea: il colore dell'Umbria

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) aggiorna la mappa del contagio da coronavirus

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) aggiorna la mappa del contagio da coronavirus. In Italia sono in zona arancione  (tra i 75 e i 200 casi ogni 100.000 abitanti nelle due settimane precedenti) Umbria, Piemonte, Toscana, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna, le restanti sono rosse, tranne Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta e la provincia di Bolzano in rosso scuro.

La massima incidenza dei casi, secondo Ecdc, è in Germania, Benelux, Irlanda, Grecia e nell'Europa dell'Est. Solo Italia e Spagna presentano aree di colore giallo in tutta l'Ue, quindi a rischio ancora non elevato di contagio. Il resto dell'Unione è rossa o rosso scuro. 

2021w47_COVID19_EU_EEA_Subnational_Combined_traffic-3

Cosa significano i colori della mappa dell'Ecdc

I colori della mappa dell'Ecdc non corrispondono alle fasce a colori italiane, questo è bene ricordarlo. Il sistema segue altri parametri.

La mappa si basa sui dati che vengono comunicati da tutti gli Stati membri dell'Ue al database europeo di sorveglianza (TESSy) entro le 23:59 di ogni martedì. La mappa, ricorda il sito dell'Ecdc, viene pubblicata tutti i giovedì "a sostegno della raccomandazione del Consiglio su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia di COVID-19".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la nuova mappa del rischio dell'Unione Europea: il colore dell'Umbria

PerugiaToday è in caricamento